Laserline EPS VIEW: i sensori di parcheggio sul display dell'auto

Il nuovo modulo presentato da Laserline rivoluziona il concetto di sensori di parcheggio aftermarket; un privilegio per ora riservato a Ford e VW

26 settembre 2011 - 12:00

Laserline lancia EPSVIEW, il modulo che permette di visualizzare il sistema di parcheggio EPS4006D, montato in aftermarket, sul display originale della vettura. Il nuovo modulo che media l'elettronica di bordo con il sistema di ausilio al parcheggio della stessa azienda, smussa le spigolose problematiche d'integrabilità che spesso inseguono gli accessori aftermarket installati al di fuori della linea di montaggio dell'auto.

LA SOLUZIONE AGLI OPTIONAL OBBLIGATORI – Chiunque abbia recentemente avuto il piacere di regalarsi una nuova auto si sarà scontrato inevitabilmente con la miriade di pacchetti obbligatori che includono, tra i tanti, anche l'optional cui si è interessati; un esempio comune a gran parte delle Case automobilistiche è proprio il sistema di ausilio al parcheggio. Come se non bastasse, gli accessori “impacchettati” sono ben protetti da allestimenti di prestigio riservati a motorizzazioni più potenti per pochi facoltosi.

UN ESEMPIO – Listini alla mano, abbiamo ipotizzato l'acquisto di una Seat Altea con motore 1.400 cc benzina da 85 cavalli in allestimento base, in promozione al prezzo di 13.200 euro: inutile cercare optional, l'unico disponibile è il Basic Pack che comprende radio RCD310 con ingresso AUX-IN e climatizzatore manuale, al prezzo di 1.665 euro, ma di sensori di parcheggio neanche l'ombra. A meno di mettere in conto il più ricco allestimento Style (tra l'altro su un motore 1,2 litri benzina TSI) e pagare 400 euro per il Tech Pack oltre i 19.000 di listino dell'Altea più dotata, i sensori di parcheggio di serie non suoneranno mai. In questi termini, chi punta a una vettura dotata dello stretto necessario, ma pur sempre di serie, vede svanire il suo equipaggiamento ideale ed è costretto a ripiegare su accessori aftermarket che seppure di qualità potrebbero alterare, con monitor e cavi di collegamento, l'estetica dell'abitacolo. Laserline ha realizzato EPSVIEW, la soluzione ideale per la visualizzazione dei sensori di parcheggio aftermarket della stessa azienda (che a breve vedrete in un test inedito) sul display originale della vettura, guidando visivamente il conducente nelle manovre più anguste e aiutandolo a capire quale lato del paraurti potrebbe incombere in una collisione.

SOLO PER POCHI – Integrando il kit EPS aftermarket alla rete C.A.N. dei dispositivi elettronici di bordo, il modulo EPSVIEW, compatibile per ora solo con i modelli di auto più recenti del Gruppo Seat-Skoda-Volkswagen e Ford, solleverebbe dall'obbligo (e non meno dai costi) di portare a casa optional non indispensabili come cerchi in lega maggiorati, specchi ripiegabili elettricamente o vetri oscurati, concedendosi una guida confortevole e sicure manovre di parcheggio senza alterare l'equilibrio estetico dell'auto, sia fuori sia dentro l'abitacolo. Maggiori informazioni su EPSVIEW, che ci auguriamo sia esteso presto a tutti i modelli di vetture più diffusi, le troverete sul sito www.laserline.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Osram: in arrivo le lampade a LED con filamento omologate e legali

Auto familiari e seggiolini: solo 4 su 18 adatte a 3 bambini nel 2019

4 consigli per rendere connessa e smart un’auto in aftermarket