Pulizia iniettori: 5 errori da non fare con gli additivi nel carburante

Pulire gli iniettori con un additivo nel carburante: ecco gli errori da non fare con la pulizia iniettori e i consigli per prevenire problemi agli iniettori

8 giugno 2020 - 17:00

Con gli intervalli di manutenzione sempre più ampi non è raro trovarsi nella situazione di dover fare una pulizia agli iniettori. Se stai pensando di acquistare un buon additivo per iniettori ecco cosa devi sapere. Vediamo nel dettaglio i 5 errori più frequenti da non fare con la manutenzione auto e l’uso di additivi nel carburante.

PULIZIA INIETTORI: QUANDO SI RICORRE ALL’USO DI ADDITIVI CARBURANTE

I motivi per cui spesso si decide di voler fare una pulizia agli iniettori sono vari: a volte lo si fa sperando di prevenire problemi agli iniettori, altre per cercare una soluzione a problemi che già si sono manifestati. In linea di massima quando si cerca di pulire gli iniettori con un additivo nel carburante, le cause potrebbero essere:

– consumo elevato e carburante incombusto dallo scarico;
– elevata fumosità allo scarico;
– iniettori bloccati o rumorosi.

Gli additivi carburante funzionano davvero? In genere si, ma molto dipende dallo stato di usura degli iniettori, dall’alimentazione (benzina, gasolio o benzina/GPL-metano) e dallo scopo per cui sono stati concepiti i vari prodotti. Su un’auto che ha sempre effettuato tagliandi regolari, anticipando la sostituzione dei filtri, difficilmente si avranno problemi agli iniettori. Discorso a parte andrebbe fatto per le auto ibride a GPL o Metano, per le quali l’uso di additivi può dare maggiori benefici ed evitare riparazioni più frequenti. Ogni quanto va usato l’additivo nel carburante? Si può usare la benzina al posto del pulitore iniettori? Ecco i 5 errori più frequenti da non fare con gli additivi.

1.LA BENZINA NEL GASOLIO PER LA PULIZIA INIETTORI

Usare la benzina nel gasolio come additivo pulitore è tra i rimedi indiscutibilmente più profetizzati con il passaparola. L’idea di fare mezzo pieno di benzina e portare al colmo con gasolio si pensa possa essere un toccasana per iniettori ma non è affatto così. La benzina in un motore diesel, ad esempio, non offre il potere lubrificante che serve all’impianto ad alta pressione di un motore moderno, oltre al rischio di avere problemi di auto-accensione. Cosa succede se si mette benzina nel gasolio in grandi quantità?

– La benzina diluisce il gasolio, che perde le proprietà lubrificanti, rischiando anche il grippaggio di pompa e iniettori.
– La benzina si incendia a pressione e temperature inferiori rispetto al gasolio, quindi con la compressione elevata di un motore diesel si rischiano seri danni ai pistoni.

2.QUANTO ADDITIVO IN UN PIENO DI BENZINA?

Quanto additivo va in un pieno di benzina o gasolio? L’indicazione corretta è quella sulle istruzioni del prodotto. Effettuare con maggiore frequenza la pulizia degli iniettori con un additivo nel carburante non crea problemi, a patto di usarlo nel modo corretto. A tal proposito bisogna sapere che gli additivi per uso non professionale in genere si diluiscono nel serbatoio del carburante. Ma esistono anche trattamenti di pulizia professionali che prevedono l’immissione di pulitori iniettori direttamente nel circuito di alimentazione dopo il serbatoio. Questi ultimi è meglio affidarli a un’officina.

3.SBLOCCARE INIETTORI CON UN PULITORE COMPRATO AL BRICO

Resuscitare iniettori bloccati o molto ostruiti con un semplice additivo carburante è un tentativo sicuramente meno costoso che smontare e revisionare gli additivi. L’importante è non fondare la prova fai da te su speranze mal riposte per poi pensare che un prodotto per proteggere gli iniettori possa anche pulirli. Quando gli iniettori rivelano già una portata fuori norma tramite diagnosi non resta altro che affidarsi a smontaggio, revisione e/o pulizia al banco.

4.PULIZIA INIETTORI SU AUTO A GPL

Auto a GPL guidate senza particolare attenzione sono tra le più diffuse che richiedono la pulizia iniettori o la sostituzione quando sono irrecuperabili. Molto spesso si sottovaluta il fatto che il gas ha un potere lubrificante molto inferiore alla benzina. Se poi si allungano anche gli intervalli di sostituzione dei filtri del gas e non si utilizza mai l’additivo consigliato dal produttore dell’auto, è solo questione di tempo.

5.ADDITIVO PULIZIA INIETTORI E TAGLIANDO AUTO

Cambiare filtri carburante con frequenza rende superfluo l’utilizzo di additivi. Questo principio vale in particolare per le auto diesel e per quelle a benzina che hanno la cartuccia carburante sostituibile. Tutte le impurità che sedimentano nel serbatoio negli anni sono efficacemente raccolte dai filtri ormai ad altissima efficienza. E’ evidente però che sottovalutare la sostituzione di tutti i filtri renderà necessario l’utilizzo di un additivo e una spesa extra in caso di danni più gravi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sensore MAF: cos’è e come funziona

Ammortizzatori auto: come funzionano e quando vanno sostituiti?

Tagliando auto: cosa comprende e quanto costa