Officine auto sempre più digitali: la manutenzione diventa smart

Sempre più automobilisti cercano l'officina sul web, la manutenzione auto si prepara alla più grande rivoluzione digitale con servizi on demand

30 ottobre 2018 - 11:47

Un giorno ci saranno meno auto elettriche da riparare nelle officine, ma tanti servizi digitali in più sulla manutenzione auto che da quando SicurAUTO.it ha lanciato il primo Educational in Italia con video e approfondimenti tecnici orientati al consumatore e professionisti dell'aftermarket, sempre più aziende hanno capito di investire sulla manutenzione e sul mondo aftermarket automotive. Un settore sempre più in crescita che ora sta mutando verso la digitalizzazione dei sevizi per dare risposte sempre più mirate alle richieste di consumatori-automobilisti più preparati, curiosi di sapere qual è l'intervento migliore da eseguire, quali ricambi servono per le auto più moderne e tecnologiche e soprattutto a chi rivolgersi per trovare un servizio di manutenzione all'altezza del compito.

LE PAROLE PIU' CERCATE SULLA MANUTENZIONE Lo hanno capito anche i Costruttori di auto che si incontreranno al Service Day 2018, e lo stanno scoprendo sempre più aziende impegnate nell'aftermarket auto motive come le reti di officine, che l'automobilista medio sta evolvendo sempre di più e non si accontenta di rivolgersi all'officina sotto casa. E' un dato che viene fuori da un'indagine condotta da MotorK secondo cui le parole più ricercate su Google sono “tagliando”, “cambio gomme”, “revisione”, “carrozzeria”. Un trend che SicurAUTO.it ha saputo interpretare per primo lanciando #SicurEDU, progetto inedito in Italia che permette ai consumatori di sapere tutto sulla corretta manutenzione dell'auto, i seggiolini, gli pneumatici e tanto altro ancora.

ANCHE I COSTRUTTORI PUNTANO AI CONTENUTI EDU Secondo un rapporto di MotorK – le ricerche online riguardanti il service sono aumentate del 300% dal 2015 ad oggi e che il 66% degli automobilisti ha utilizzato internet prima di portare l'auto in officina. Più di metà delle ricerche che riguardano ricambi, assistenza e manutenzione meccanica sono effettuate da dispositivi mobile. Da un lato quindi l'automobilista è sempre più orientato a capire di più sulla manutenzione e cercare le info e i servizi giusti tramite il web, dall'altro la risposta dei principali operatori a queste dinamiche. Ne è l'esempio il Service Day 2018 che a breve coinvolgerà i più importanti tra i manager di rilievo dei Costruttori auto per discutere delle strategie after sales orientate alla soddisfazione del cliente implementate presso le reti, in particolare sull'utilizzo dei video, in grado di produrre interazioni con contenuti e di fidelizzare i clienti.

1 OFFICINA SU 3 DIVENTERA' DIGITALIZZATA Per incubare questo input e digitalizzare sempre di più i servizi delle officine di manutenzione auto, MotorK ha lanciato GarageK, piattaforma di software-as-a-service che permetterà agli operatori di gestire le richieste di preventivo, le prenotazioni, la pubblicazione di promozioni. Un approccio che crea una spaccatura tra i responsabili tecnici delle officine vecchia scuola che centralizzano spesso diverse attività e le nuove generazioni di autoriparatori. Secondo i dati di MotorK, il 30% dei service post-vendita non ha un sito web e il 10% pensa che non sia utile per il proprio business, il 55% non ha ancora predisposto un servizio di prenotazione online e solo il 29% ha previsto investimenti nella digitalizzazione. Un numero che dimostra la volontà ad aprirsi a nuovi servizi che potrà essere accompagnato dall'esigenza di dare sempre più risposte dettagliate ai consumatori che non si accontentano più di lasciare le chiavi dell'auto e tornare a riprenderle quando l'auto è pronta. Un rinnovamento che SicurAUTO.it continuerà a seguire con approfondimenti mirati sulla Tecnica, la Manutenzione e l'Aftermarket in aggiunta a nuove e sempre più curiose aree #SicurEDU. Continuate a seguirci!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Ricambisti Day 2019: i fattori che stanno influenzando l’aftermarket auto

Cos’è il LiDAR e come funziona il nuovo componente delle auto robot

ZF scommette nella guida autonoma 2getthere