Manutenzione auto: i ricambi più cari e quelli che si usurano di più

Avete mai pensato a quanti ricambi acquistiamo nel corso della nostra vita da automobilisti? Una interessante indagine ci svela quanto spendiamo

4 ottobre 2017 - 10:00

Manutenzione auto: i ricambi più cari e quelli che si usurano di più

Quali sono i ricambi che sostituiamo più volte durante il ciclo di vita di un'automobile? Quali tra questi sono quelli più costosi? Quanti ricambi acquistiamo e quanto spendiamo per la manutenzione durante la nostra carriera di automobilisti? Queste e altre domande sono state poste alla base di uno studio statistico riguardo l'usura delle componenti di autovettura. Sono stati identificati i 10 ricambi più soggetti a usura, cambiati di conseguenza più spesso, evidenziando quelli più costosi e responsabili di salatissimi conti in officina. Interessanti sono i consigli per far durare più a lungo questi componenti critici e risparmiare denaro sul lungo termine.

STUDIO EFFETTUATO SUL PARCO AUTO CIRCOLANTE IN UK L'interessante studio pubblicato sul Daily Mail parte dalla considerazione che, prendendo la patente a 18 anni e continuando a guidare fino all'età di 80 anni, mediamente saremo automobilisti per circa 62 anni. L'indagine è stata condotta tenendo conto del mercato e del parco auto circolante del Regno Unito, secondo lo studio alcuni dei ricambi presenti nella top ten possono essere sostituiti fino a 25 volte, ovviamente non sulla stesa vettura, e nell'insieme possono far spendere all'automobilista una cifra superiore a 30 mila sterline (Scopri quali sono gli interventi più richiesti in officina). Nella classifica, stilata con l'ausilio del database di Click Mechanick, sono stati inclusi ricambi come il filtro carburante, la batteria, i dischi dei freni o la frizione e i suggerimenti per prolungarne il ciclo di vita utile. Da quanto emerso dallo studio sembra evidente che il parco auto di riferimento ha un'età media piuttosto elevata.

1 FILTRO DEL CARBURANTE Il filtro del carburante è un componente che va cambiato con una certa frequenza, le impurità e i depositi presenti nei serbatoi tendono infatti a intasarlo. Lo studio ha stimato che durante la propria carriera un automobilista lo cambia in media 25 volte con una spesa di circa 1.775 sterline. In questo caso c'è poco da consigliare per cambiarlo con meno frequenza, quando è esausto il filtro va sostituito.

2 BATTERIA Quando la batteria decide di abbandonarci è sempre un momento buio, siamo appiedati e sappiamo che dovremo sborsare una bella somma per comprare un accumulatore di buona qualità. Secondo chi ha stilato la classifica l'automobilista britannico cambia in media 13 batterie spendendo circa 2.015 sterline. Tragitti molto brevi e con accensioni e spegnimenti frequenti fiaccano la batteria, quindi con una certa assiduità è bene far girare più del solito l'auto e permettere così all'accumulatore di ricaricarsi completamente (Cosa sai sulla manutenzione della batteria? Leggi qui).

3 VOLANO FRIZIONE Il Volano è un disco, solitamente d'acciaio, collegato all'albero motore e alla frizione, il suo scopo è quello di aumentare l'inerzia dell'albero e rendere più fluido il movimento di quest'ultimo. Quando il volano è da sostituire la frizione tende a slittare, l'innesto dei rapporti al cambio è difficoltoso e rumoroso. La stima vede la sostituzione di questo componente 10 volte e con un costo di 7.740 sterline. Le vite di volano e frizione sono strettamente correlate, se uno dei due non è in ordine anche l'altro si guasterà presto, quindi cambiarli assieme è un suggerimento per farli durare entrambi di più.

4 FRIZIONE La frizione solitamente ha una vita media piuttosto lunga ma cattive abitudini e poca accortezza nel suo uso possono ridurre drasticamente la sua durata. I driver britannici la cambiano 10 volte spendendo 5.670 sterline e se consideriamo che spesso va cambiano anche il volano il conto è ancor più salato. Per far durare più a lungo una frizione il consiglio è quello di non stressarla, ad esempio quando si è fermi al semaforo o imbottigliati nel traffico non ha senso tenere il piede sul pedale della frizione in attesa di ripartire, meglio mettere il cambio in folle e azionare il freno di stazionamento.

5 DISCHI FRENO E PASTIGLIE L'efficienza di un impianto frenante è determinante per la sicurezza stradale, gli organi maggiormente sollecitati nel sistema freni sono i dischi e le pastiglie. Quando si avverte un allungamento degli spazi di frenati, l'assetto si scompone quando si frena con decisione o si avvertono evidenti stridii metallici è arrivato il momento di rivedere l'impianto frenante (Scopri qui tutti i trucchi sulla manutenzione dei freni). I guidatori inglesi cambiano dischi e pastiglie approssimativamente 10 volte, spendendo 1.730 sterline. Per mantenere a lungo e in salute questi organi bisognerebbe limitare le inchiodate, le lunghe discese con il piede sul freno (sfruttare il freno motore invece) e lasciar consumare oltre il limite le pastiglie.

6 ALTERNATORE L'alternatore è il componente che sfruttando il collegamento al motore produce elettricità e alimenta la batteria, garantendo così il continuo funzionamento degli impianti e apparati di bordo. Un alternatore guasto quindi non ricaricherà la batteria e la panne è assicurata. Secondo lo studio i conducenti britannici lo sostituiscono circa 7 volte nel corso della loro vita da automobilisti, la spesa è di 2.506 sterline. Tutti i fenomeni elettrici influiscono sulla vita dell'alternatore ma per prolungarne la vita utile c'è ben poco da fare.

7 CINGHIA DI DISTRIBUZIONE La cinghia di distribuzione è un elemento cruciale sotto il cofano di un'auto; quando si rompe la cinghia il danno spesso è ingente perché può coinvolgere organi meccanici interni e le riparazioni. La tempistica per la sostituzione è sempre indicata dal produttore della vettura, lo studio stima 6 sostituzioni per una spesa complessiva di 2.088 sterline. Per prolungare la durata di una cinghia può essere utile ricoverare in un box o garage al chiuso la vettura, è sempre consigliato comunque attenersi alle indicazioni del costruttore e non rischiare superando i limiti di tempo e chilometraggio.

8 POMPA DELL'ACQUA La pompa dell'acqua è responsabile della circolazione del fluido di raffreddamento ed è uno degli elementi fondamentali per mantenere la temperatura del motore entro un range ottimale. Perdite di fluido, problemi di accensione e temperature elevate sono spie di un malfunzionamento alla pompa. Si stima che in Inghilterra un automobilista cambi 6 pompe dell'acqua sulle proprie auto e spende 1.608 sterline. Per prolungare la vita della pompa è consigliato il cambio periodico del liquido di raffreddamento e dell'olio motore. Solitamente la pompa dell'acqua viene cambiata assieme alla cinghia di trasmissione.

9 GUARNIZIONE DELLA TESTATA La tenuta di blocco motore e testata è garantita da una guarnizione, questa può danneggiarsi in seguito a un picco prolungato di temperatura. Una guarnizione bruciata provoca non pochi problemi al motore con perdite di prestazioni, trasudamenti di liquido di raffreddamento e olio. Lo studio compiuto nel Regno Unito stima che la guarnizione viene cambiata in media 5 volte con una spesa di 3.500 sterline. Per evitare questo danno bisogna tenere sotto controllo la temperatura e in perfetta efficienza l'impianto di raffreddamento.

10 MOTORINO DI AVVIAMENTO Il motorino di avviamento è il componente che di fatto dà vita al propulsore e un suo malfunzionamento rischia di rendere impossibile avviare l'auto. E' stato stimato che il 62 anni di guida un automobilista britannico può cambiare 5 motorini d'avviamento spendendo 1.655 sterline. Si tratta di un componente particolarmente soggetto ad usura e si può fare ben poco per evitarne una prematura dipartita; un suggerimento valido è quello di non sforzarlo insistendo con la chiave sulla posizione di avviamento quando il motore è già acceso.   

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto diesel Euro 6: inquinano fino a 1000 volte di più

Ammortizzatori auto: gli errori da evitare per farli durare più a lungo

Auto senza chiavi Keyless: cosa fare in situazioni d’emergenza