Frenata più sicura, sempre: dalla pista arrivano i dischi Brembo Xtra

Con la nuova linea di dischi freno forati Brembo vuole puntare ad offrire agli appassionati un prodotti sicuro e tecnologicamente avanzato

29 settembre 2016 - 10:11

Quando si pensa ad un disco freno ad alte o altissime prestazioni si immagina subito un disco freno che presenta sulla pista frenante dei fori, oltre magari all'immaginare il materiale carboceramico per gli utilizzi più estremi. Il fatto stesso di avere questa asportazione di materiale genera una serie di vantaggi che, nel tempo, si sono rivelati fondamentali soprattutto nell'utilizzo di questi componenti sotto stress. Brembo ha portato anche su strada, oltre che nelle competizioni, dei dischi forati per l'utilizzo aftermarket (leggi della liberalizzazione del tuning che comincia dai freni), così da garantire performance più alte della media anche in condizioni meno gravose. Noi li abbiamo visti in occasione del salone Automechanika 2016.

I FORI SUI DISCHI FRENO Negli anni sempre più clienti, appassionati o semplici curiosi si sono chiesti come mai vengano praticati dei fori sui dischi freno per aumentarne le prestazioni. Partendo dal presupposto che questa asportazione di materiale non avviene a caso ma il posizionamento dei fori segue uno schema ben preciso e studiato, per evitare di innescare debolezze sul pezzo che potrebbero solo essere controproducenti, questi generano una serie di benefici che possono fare la differenza non solo in un utilizzo stressato ed al limite in pista, ma anche nell'utilizzo quotidiano dell'auto sulla strada per andare e tornare dal posto di lavoro. Il primo (e forse anche il più conosciuto) vantaggio che i dischi freno forati presentano è la dissipazione del calore, poiché l'aria riesce a lambire una superficie maggiore e quindi a far decadere in modo più rapido la temperatura non solo del disco ma anche delle pastiglie (leggi quando la ventilazione dei dischi fa la differenza).

NON SOLO RAFFREDDAMENTO Chi pensa che sia finita al semplice raffreddamento maggiore di tutto il comparto frenante deve cominciare a ricredersi, perché i vantaggi di quei fori sparsi si traduce in tutta un'altra serie di benefici. In primis aumenta il coefficiente d'attrito tra il disco e le pastiglie, fattore che permette quindi una maggiore efficacia in frenata – com'è noto è la frizione tra disco freno e pastiglia freno che permette ai mezzi di rallentare la propria corsa, poiché semplicisticamente si oppone al moto – ma le prestazioni generali migliorano anche in caso di bagnato. Sul disco freno, quando piove, si può formare uno strato d'acqua che diminuisce la potenza frenante proprio perché, al contrario di quanto scritto sopra, diminuisce il coefficiente di attrito: la presenza dei fori spezza la continuità dello strato liquido e quindi permette al sistema di lavorare in condizioni di carico normali, senza perdite di sorta. Ultimo fattore da tenere in ampia considerazione è la pulizia delle pastiglie, poiché la presenza stessa di una superficie di discontinuità permette di “raschiare” dalle stesse pastiglie quelle che sono le polveri residue che si accumulano durante il normale utilizzo dell'auto.

BREMBO XTRA In occasione del salone Automechanika 2016 di Francoforte, fiera interamente dedicata al mondo dell'aftermarket e degli autoricambi (leggi noi come ci siamo preparati ad Automechanika 2016 per raccontarvi le ultime tendenze del mercato), abbiamo avuto modo di entrare in diretto contatto con la tecnologia e lo studio dietro dei dischi forati allo stand Brembo, grazie alla presentazione della serie di dischi Xtra. Il target di questi componenti, secondo l'azienda italiana, è quello delle auto di serie e non da competizione, sulle quali un prodotto del genere può garantire delle performance migliori di quanto non potrebbero fare dei dischi “pieni”. Ci sono poi gli appassionati che, di tanto in tanto, stressano in modo più arduo l'impianto con una guida più aggressiva: seppur su strada è difficile arrivare a condizioni di carico tali da mettere in crisi un impianto freni, i benefici di questa serie di dischi possono farsi sentire anche e comunque nella guida più spinta, poiché garantiscono un mordente più pronto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Ferrari Premium: anche per le Ferrari c’è la manutenzione prepagata

Officine autorizzate o indipendenti: quali preferiscono gli italiani?

Arval si lancia sulla manutenzione con il suo network di officine premium