Dal 2018 le officine auto saranno solo meccatroniche: le novità in arrivo

Gli autoriparatori del futuro dovranno essere preparati a tutti gli interventi di manutenzione: le novità dal 2018 per le officine meccatroniche

18 dicembre 2017 - 13:21

Il mondo della manutenzione auto si prepara a una rivoluzione anticipata qualche tempo fa: non esisteranno più distinzioni tra meccanico ed elettrauto per gli autoriparatori che chiedono l'abilitazione per aprire una nuova officina. La novità varata con la legge n. 224/2012 scatterà dal 5 gennaio 2018 e offre agli automobilisti la possibilità di trovare molteplici competenze in una sola officina. Un vantaggio non indifferente per i consumatori che non dovranno più rimbalzare tra diverse officine per la manutenzione, il tagliando e riparazioni che coinvolgono professioni differenti. Anche per i nuovi autoriparatori meccatronici ci sarà la possibilità di offrire un maggior numero di servizi, con competenze multidisciplinari e fidelizzare i clienti con un risparmio di tempo per chi ha una sola auto in famiglia non indifferente. Ma vediamo quali novità scatteranno dal 5 gennaio 2018 per le officine meccatroniche e chi dovrà adeguarsi alle nuove norme.

NASCE IL MECCATRONICO A partire dal 5 gennaio 2018 gli automobilisti che si rivolgono alle officine indipendenti per riparazioni o semplice manutenzione non dovranno più preoccuparsi di capire se rivolgersi al meccanico o all'elettrauto. Complice un'innovazione sempre più spinta dei motori, tra sensori per consumare meno carburante, sistemi antinquinamento sempre più sofisticati e tecnologie costruttive che guardano sempre più verso la riduzione di peso e l'elettrificazione, le figure di elettrauto e meccanico negli ultimi anni si sono sovrapposte sempre di più. Una novità che porta vantaggi da entrambe le parti, sia per l'autoriparatore sia per il consumatore e che guarda alle potenzialità delle Reti di officine di intervenire su numero sempre maggiore di auto anche recenti (Scopri qui tutto sulla manutenzione auto, i consigli e le curiosità sulla Rete di Officine Rhiag).

COME BISOGNERA' ADEGUARSI Per le nuove officine che richiederanno l'abilitazione dal 5 gennaio 2018 le nuove disposizioni prevedono la nascita della figura professionale del meccatronico. Questo significa che nelle officine troveremo tra gli autoriparatori l'elettrauto-meccanico, il gommista e il carrozziere, assieme o alcuni di essi, mentre dopo il 5 gennaio gli autoriparatori che non saranno in regola con la nuova professione non potranno continuare ad esercitare. Per regolarizzarsi, il titolare dell'officina o il responsabile tecnico dovranno frequentare e completare con esito positivo un corso di formazione di 40 ore riguardante la figura professionale da abilitare (se meccanico motoristico o elettrauto).

QUALI OFFICINE SONO GIA' IN REGOLA O ESONERATE Nulla cambia invece per gli autoriparatori che entro la data del 5 gennaio 2018 abbiano già ottenuto l'abilitazione per entrambe le figure professionali e si vedranno automaticamente aggiornare il certificato camerale. Sono esonerati dall'aggiornamento, ma potranno accedere facoltativamente ai corsi regionali, i titolari di autofficine che abbiano già compiuto 55 anni al 5 gennaio 2013, data in cui è entrata in vigore la legge 224/2012 per consentirgli di accedere al pensionamento senza complicazioni burocratiche. Ma non solo, sarebbero esonerate anche tutte le officine e i rispettivi titolari che nei 3 anni precedenti all'approvazione della norma possono dimostrare di aver effettuato interventi di manutenzione più complessi (per i quali abbiano seguito corsi di aggiornamento specifici) ad esempio su sistemi di sicurezza abbinati ai freni come ABS-ESP, sistemi antinquinamento, centraline elettroniche, trasmissioni automatiche, climatizzatore e così via. Insomma, una novità che sfuma sempre di più la distinzione tra le officine autorizzate delle Case auto, alle quali spesso ci si rivolge per la sicurezza della competenza ma a un costo più elevato, e le officine indipendenti, sempre più proiettate sulla manutenzione auto a 360 gradi. Scopri nel video sotto cosa pensano gli italiani delle officine e quanto ne sanno sul tagliando e sulla manutenzione auto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Riscaldare il motore a freddo: perché è inutile e anche dannoso

Deposito auto in officina

Tagliando auto in garanzia: il 46% lo fa alla rete ufficiale dopo 4 anni

Auto connesse liberalizzate: la proposta di legge dei produttori aftermarket