Batterie nuove in magazzino: dopo quanti mesi iniziano a scaricarsi?

Dopo quanti mesi una batteria nuova inizia a scaricarsi? Ecco i consigli su come conservare e ricaricare le batterie nuove in magazzino

22 luglio 2020 - 14:30

Le batterie nuove in magazzino non sono eterne e dopo qualche tempo iniziano a perdere la carica fino anche a soffrire dei problemi di solfatazione prematura. Quanti mesi o anni può resistere una batteria nuova senza rovinarsi? La risposta ce la dà uno dei maggiori produttori di batterie.

BATTERIE NUOVE IN MAGAZZINO E DATA DI PRODUZIONE

Leggere la data di produzione delle batterie è un controllo fondamentale per evitare gli errori con l’acquisto di una batteria online o nei negozi brico. Se la data di produzione è antecedente di pochi mesi, si riduce molto il rischio di comprare una batteria nuova ferma in magazzino da tempo. Nonostante infatti le batterie auto di qualità resistano al fenomeno dell’autoscarica, dopo alcuni mesi potrebbe essere necessario ricaricare le batterie per tenerle efficienti fino alla vendita. Questa informazione serve in particolare ai distributori che movimentano piccole quantità di ricambi auto ed è fornita direttamente dal produttore delle batterie. Ma può interessare anche a chi – magari – compra una batteria nuova per tenerla di scorta e pronta all’uso. Vediamo allora come conservare le batterie e dopo quanti mesi iniziano a rovinarsi se non utilizzate.

COME CONSERVARE LE BATTERIE NUOVE IN MAGAZZINO

I grandi magazzini di batterie ricevono in genere precise indicazioni dai produttori riguardo alla gestione delle scorte. Si vendono prima le batterie che sono entrate per prime in magazzino (gestione FIFO: First In, First Out). Ogni produttore, in base alle caratteristiche delle batterie, comunica anche dopo quanti mesi vanno ricaricate le batterie nuove ferme in magazzino. Queste informazioni accompagnate dai consigli su come conservare le batterie al meglio, possono essere lette su un adesivo tipo questo nella foto sotto. Per mantenere in perfetta efficienza batterie nuove inutilizzate i consigli principali sono:

– Conservare le batterie in luogo fresco, asciutto e ventilato;

– Proteggere le batterie dal calore eccessivo. Il calore causa una scarica più rapida, e il calore eccessivo può danneggiare le batterie;

– Conservare le batterie in posizione verticale per evitare cadute o perdite di liquido;

– Non impilare le batterie una sopra l’altra per evitare graffi o strappi alle etichette o danni ai terminali;

– Conservare batterie sigillate con film termoretraibile fino a un numero massimo di tre sovrapposte. Un’altezza superiore comporta il rischio di cadute, con possibili danni alle persone;

– Non rimuovere i sigilli da batterie a carica secca fino al momento della messa in servizio e del riempimento con acido. Il sigillo preserva la carica della batteria. Se questo viene rimosso o danneggiato, il contatto con l’aria causa la scarica della batteria;

– Conservare le batterie su scaffali o pallet, non sul pavimento. La presenza di sassolini o oggetti acuminati sul pavimento di cemento può danneggiare la base della batteria e causare perdite;

– Assicurarsi che le maniglie siano verso il basso. Se le maniglie sono rialzate hanno maggiori probabilità di essere danneggiate.

DOPO QUANTI MESI SI SCARICANO LE BATTERIE FERME IN MAGAZZINO

La durata di una batteria nuova di magazzino può variare molto in base al tipo di batterie, se a secco o sigillate pronte all’uso. Superati i mesi in cui una batteria può restare inutilizzata, o viene ricaricata secondo le indicazioni del produttore, oppure deve essere messa in funzione, quindi montata su un veicolo. Il tempo di tolleranza di una batteria nuova cambia se a secco o senza manutenzione:

– Una batteria sigillata “senza manutenzione” dovrebbe essere installata entro 15 mesi dalla data di produzione. Inoltre, la tensione misurata non deve essere inferiore a 12,2V. Se la tensione scende sotto i 12,4V a causa di un lungo periodo di stoccaggio, le batterie devono essere ricaricate. “Prima della vendita è consentito un massimo di due ricariche, e il prodotto non dovrebbe essere venduto oltre un periodo massimo di 9 mesi dalla ricarica raccomandata”, consiglia il produttore per le batterie del suo brand.

– Una batteria a carica secca (tipo quelle ad uso motociclistico) in cui va aggiunto l’elettrolita al momento dell’attivazione, resiste a un periodo di giacenza maggiore e non richiede ricariche. Tuttavia, il periodo massimo di magazzino per batterie a carica secca prima dell’attivazione con l’elettrolita è di 24 mesi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Liquido freni: cosa significa la sigla DOT?

Manutenzione auto: le previsioni 2021 sull’attività delle officine

Emissioni auto: da quali sostanze sono composte?