Long Test Nokian WR 4: 10 mila km nell'inverno polacco

Abbiamo messo alla dura prova le gomme invernali Nokian WR A4 in un long test sino a -15 gradi. Ecco le nostre impressioni di guida

Long Test Nokian WR 4: 10 mila km nell'inverno polacco
Può uno pneumatico invernale combinare sicurezza e sportività? Ce lo siamo chiesti al lancio degli pneumatici invernali Nokian WR A4 e così abbiamo voluto metterli alla prova in un long test a partire dallo scorso inverno. Per farlo abbiamo guidato per circa 10.000 km sulle strade polacche con temperature comprese tra +15 e -15 gradi centigradi. Su percorsi rurali, di montagna, autostradali e cittadini abbiamo messo alla prova le Nokian WR A4 nelle dimensioni 225/45 R17 91W. Per valutarne le performance post pausa estiva (le gomme sono state stoccate nel modo corretto, vedi qui), le abbiamo rimontate a novembre e abbiamo guidato per altri 1.000 km. Ed ora siamo pronti a darvi tutte le nostre impressioni di guida su confort, sicurezza e tenuta sulle gomme invernali Nokian WR A4.

L'INVENZIONE DELLA GOMMA DA NEVE

 Nokian Tyres per molti automobilisti non ha bisogno di presentazioni: è conosciuto come il pioniere delle gomme invernali che nel lontano 1936 lanciò sul mercato la sua prima gomma da neve Nokian Hakkapeliitta. Oggi questa accezione non è corretta  poiché, come ricordiamo sempre ai nostri lettori, le gomme da neve non esistono più (a parte le chiodate) e si parla più in generale di gomme invernali, progettate e testate per funzionare su ogni tipo di asfalto e fondo stradale purché sia abbastanza freddo, cioè da +7 gradi in giù (leggi qui tante curiosità nella guida completa su gomme invernali e catene da neve). E le nuove gomme Nokian WR A4 presentate nel 2016 portano in dote le tecnologie degli pneumatici Nokian WR 3 puntando ad aumentare la stabilità e la sicurezza alle alte velocità con una spalla esterna rigida e un disegno asimmetrico per ottimizzare il feeling e la direzionalità alle basse velocità.  Prima di passare alle nostre impressioni di guida durante i 10 mila chilometri di prova a bordo dell'Alfa Romeo Giulietta 1.4 TB 170CV utilizzata per il test, guardiamo più da vicino quali dove vengono sviluppate e testate le gomme invernali Nokian.

SOLO LE GOMME MIGLIORI SUPERANO L'INFERNO DI GHIACCIO NOKIAN

 Una delle mission principali di una gomma invernale è quella di garantire prestazioni di sicurezza, aderenza e frenata nelle più ampie e variabili condizioni atmosferiche invernali. Per fare questo Nokian Tyres sfrutta un sofisticato e innovativo impianto di prova denominato "White Hell"  - letteralmente Inferno di Ghiaccio ad Ivalo in Lapponia. Pare infatti che il centro di prova Nokian Tyres più a nord del mondo sia a diverse centinaia di chilometri più su anche rispetto alla Casa ufficiale di Babbo Natale. In questo centro prove esclusivo - i ritmi di lavoro dei collaudatori diventano molto frenetici tra novembre ed aprile, tanto per darvi un'idea vengono impiegati ben 20.000 pneumatici per una percorrenza media di 40.000 chilometri, sia di giorno che di notte (un totale di 800 milioni di km). Nell'intera struttura, ci sono più di 20 tracciati a coprire oltre 100 chilometri, incluso un "salone del ghiaccio" lungo circa 700 metri dove vengono effettuati test in ogni condizione. Per garantire la ripetibilità delle prove viene effettuata una manutenzione costante delle piste innevate e ghiacciate assicurandosi che ci siano sempre gli stessi livelli di neve e ghiaccio ruvido e una pulizia ottimale delle piste.

QUANTO CONTA LA PRESSIONE CORRETTA

 Come già accennato, abbiamo deciso di provare le gomme svedesi in un campo molto variegato caratteristico delle strade polacche, dove il freddo intenso dura pochi giorni all'anno ma si fa sentire davvero ed è in grado di mettere in crisi molti pneumatici invernali. Prima di entrare nel vivo del nostro test vogliamo raccontarvi la prima parte della prova che è stata utile per ribadire un aspetto molto importante, la corretta pressione degli pneumatici. Come vi abbiamo dimostrato in questo video test, è sufficiente una sovra/sottopressione di 0,5 bar per allungare gli spazi di frenata o avere un comportamento di guida non efficiente. Ma abbiamo scoperto, a riconferma che è una pratica molto diffusa, ma errata, anche tra i gommisti (non è la prima volta che ci capita) che  quando abbiamo montato le nostre Nokian WR A4, il gommista ha gonfiato le stesse 0,6 bar in più del previsto. Questo perché è ancora credenza comune che le gomme si debbano "assestare" sul cerchio e la pressione maggiorata dovrebbe aiutare questo processo. Nulla di più sbagliato, infatti la nostra Alfa Giulietta è apparsa sin da subito poco precisa e anche piuttosto nervosa durante il primo tratto autostradale percorso ad elevate velocità e con vento e pioggia laterali. L'auto faceva fatica a mantenere una linea dritta, pertanto la prima impressione sulle gomme non è stata delle migliori. La nostra esperienza però ci ha spinto a controllare subito la pressione, accorgendoci dell'errore e ripristinando il valore corretto. Da quel momento la Giulietta è tornata precisa e divertente da guidare come al solito e, specialmente nelle condizioni di asfalto viscido e freddo, le Nokian WR A4 si sono comportate benissimo, mantenendo sempre un ottimo feeling di guida, grazie anche ad un battistrada asimmetrico per rendere la sterzata più precisa anche su neve e ghiaccio.

LE IMPRESSIONI A FINE TEST

La tecnologia Centipede Siping nella zona centrale e l'ottimizzazione delle lamelle in base alla zona di contatto hanno permesso di avere la massima sicurezza di guida in condizioni di neve e ghiaccio: dalle foto si può notare come la neve resti letteralmente attaccata al battistrada, permettendo una guida al top della sicurezza, nonostante la bassa aderenza tipica di queste superfici. Anche le ripartenze da fermo, con pendenze sino al 10-15%, sono state superate con la massima disinvoltura, nonostante la grande impronta a terra (che di norma non aiuta in queste condizioni). C'è da dire che, a seconda delle temperature, le Nokian WR A4 tradiscono un po' una vocazione da "inverno nordico", difatti quando le temperature salgono sopra i 7 gradi la precisione di guida e gli spazi di arresto ne risentono abbastanza. Caratteristiche da tenere a mente a seconda del luogo in cui vivete. La rumorosità, mitigata dalla tecnologia Silent Sidewall si potrebbe migliorare: durante la guida su alcune condizioni di asfalto, infatti, il rumore dal passaruota ricorda un po' quello della marcia su pioggia, anche se in realtà stiamo guidando sull'asciutto. Se ne sono accorti anche i colleghi dell'ADAC che hanno testato diversi pneumatici invernali insieme alle Nokian qui. Al termine del nostro long test possiamo dire che le Nokian WR A4 ci hanno permesso di guidare in tutta sicurezza per oltre 10.000 km, consumando solo 2mm di battistrada e promettendo una durata al top della categoria. Anche la guida post stoccaggio estivo non ha risentito di alcun peggioramento, indice del fatto che le WR A4 vi permetteranno di guidare in sicurezza per almeno 3-4 inverni senza perdite. Un fattore molto importante in ottica risparmio e rapporto qualità/prezzo/durata.

Pubblicato in Pneumatici Auto il 11 Dicembre 2017 | Autore: Claudio Cangialosi


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri