Volvo: la sicurezza delle auto premiata in tutti i crash test indipendenti

Volvo continua a sviluppare tecnologie per la sicurezza intelligenti premiate nei maggiori test di valutazione mondiali

15 aprile 2013 - 7:00

Il 2012 si è concluso per Volvo con enormi traguardi nella sicurezza di guida, ottenuti grazie alla costante ricerca per la protezione dei passeggeri. Le nuove V60, XC60 e V40 hanno permesso al Costruttore svedese di scalare le classifiche dei test e conquistare l'ambito premio Top Safety Pick+.

LE AUTO PIU' SICURE – Volvo ha promesso di azzerare entro il 2020 il rischio di fatalità o lesioni gravi riportate a seguito di incidente in una nuova auto. L'assegnazione del riconoscimento Top Safety Pick+ per S60 e XC60 dimostra che i tecnici svedesi non scherzano affatto. Fa eco l'eccellente posizionamento della nuova Volvo V40 nella classifica riepilogativa delle vetture Best In Class per il 2012 redatta da  Euro NCAP. “Siamo molto orgogliosi di poter offrire ai consumatori alcune delle automobili più sicure al mondo,” ha commentato Lotta Jakobsson, Ingegnere Tecnico Specialista in Sicurezza presso il Centro Sicurezza Volvo. “Numerosi studi documentano che i nostri sistemi di evitamento delle collisioni contribuiscono in modo significativo a ridurre gli incidenti nel contesto di traffico reale. Grazie alla costante introduzione di nuovi sistemi preventivi e protettivi, continuiamo ad avvicinarci al nostro obiettivo del 2020, ovvero portare a zero il numero di fatalità o lesioni gravi a seguito di incidente in una nuova Volvo,” ha aggiunto Jakobsson.

STELLE A RUOTA IN EUROPA – La nuova Volvo V40 ha ottenuto le cinque stelle Euro NCAP nel segmento Small Family con il miglior risultato mai registrato. Ha infatti ottenuto il punteggio più alto nella valutazione dei pedoni, con l'88% sul totale. La V40 fa incetta di premi anche nei test ANCAP (programma australiano di valutazione delle auto nuove), convincendo i tecnici per l'eccellente livello di protezione dei pedoni. Nel 2012 la Volvo S60 ha raggiunto il miglior punteggio nella nuova prova d'impatto frontale disassato “small overlap” con piccola sovrapposizione dell'IIHS. Durante il test, il 25% della sezione frontale della vettura urta contro una barriera rigida a una velocità di 64 km/h per simulare ciò che accade quando l'angolo anteriore di un'automobile impatta contro un altro veicolo, un albero o un palo. La Volvo XC60 testata nel 2013, ottiene a sua volta il punteggio più alto nella stessa prova. La Volvo V60 Plug-in Hybrid, invece,  ha guadagnato il podio più alto per la sicurezza delle auto elettriche. Il crash test ha dimostrato che la V60 ibrida plug-in offre lo stesso elevato livello di sicurezza della V60 standard, confermando le 5 stelle.

SALE LA SICUREZZA E SCENDE L'RC AUTO – Negli Stati Uniti, la S60 è stata la prima automobile a ottenere un punteggio globale di cinque stelle nei nuovi test 5 Star Safety Ratings del NHTSA (Istituto Nazionale per la Sicurezza del Traffico Autostradale). Grazie all'efficiente equipaggiamento di sicurezza attiva, la S60 è stata l'unica vettura ad aggiudicarsi le cinque stelle nei test d'impatto frontale, laterale contro un palo e laterale contro una barriera. L'IIHS ha documentato in un rapporto che la presenza di tecnologie come il City Safety con frenata automatica, riduce anche le richieste di risarcimento assicurativo. Uno studio simile condotto dalla compagnia assicurativa svedese Volvia nel 2012 indica che le auto Volvo dotate di City Safety restano coinvolte in impatti frontali e tamponamenti nel 23% in meno dei casi rispetto alle vetture sprovviste. Nel Regno Unito, la società di noleggio di limousine Tristar Worldwide, ha supportato la statistica pubblicando uno studio che indica una riduzione del 28% del numero di tamponamenti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)