Volkswagen Golf, arriva la Variant

Dopo la berlina Volkswagen ha presentato la versione station wagon della Golf

25 giugno 2013 - 17:22

Da noi non è mai stata amata come la sorella berlina, che, con la sua fama indiscutibile, l'ha sempre messa un po'in ombra, ma la Golf Variant ha una sua identità ben precisa. La versione station wagon della best-seller di Wolfsburg, è stata prodotta dal 1992, ovvero a partire dalla terza generazione ed ha seguito le evoluzioni della versione due volumi. Ora anche la Golf numero sette ha la sua variante familiare, che va a completare una gamma dove già si trovano le varie versioni GTI, GTD e 4Motion, oltre ovviamente alle classiche 3 e 5 porte. Come queste ultime, la Variant nasce sulla nuova piattaforma MQB del Gruppo VW, grazie alla quale è più leggera, rispetto alla generazione precedente, di 105 kg.

MENO PESO PIU' BAGAGLI – La perdita di peso è stata centrale nel processo di riduzione dei consumi e delle emissioni, che, secondo Volkswagen, sono  scese in media del 15%. Al contrario, la capacità di carico è salita di 100 litri, passando da 505 a 605 litri ed arrivando fino a 1.620 litri quando si abbattono i sedili anteriori. Questa Golf, anche se station wagon, non rinuncia al piacere di guida. Per questo, di serie su tutta la gamma, si trova il differenziale autobloccante elettronico di seconda generazione, denominato Xds+. Inoltre, in opzione si può ordinare il Dynamic Chassis Control, un sistema di regolazione della taratura delle sospensioni (in ogni caso più basse di 10 mm) che permette di modificare il carattere della vettura

MOTORI TUTTI TURBO – La Golf Variant sarà subito disponibile, già dal debutto commerciale di agosto,  con sette motorizzazioni, tutte con il sistema Start/Stop e il recupero dell'energia di serie. Si tratta di quattro benzina TSI e di due diesel TDI. Si parte con due 1.2, da 85 o 105 CV, e due 1.4, da 122 o 140 CV. Per i diesel, invece, c'è il 1.60 TDI da 105 CV e il BlueMotion da 110 CV, mentre al top della gamma si trova il 2.0 TDI da 150 CV. I cambi sono tutti manuali a cinque o sei marce, con i doppia frizione DSG, da sei o sette rapporti, disponibili in opzione. Sin dal lancio si potranno ordinare anche le versioni 4Motion, abbinate ai propulsori diesel.

SICUREZZA IN PRIMO PIANO – La Volkswagen Golf Variant guadagna 31 cm di lunghezza rispetto alla berlina, arrivando a un totale di 456 cm. Il bagagliaio, oltre alla buona volumetria, offre diverse reti di separazione e il piano di carico regolabile su altezze differenti o asportabile. Tre gli allestimenti: Trendline, Comfortline e Highline. Su tutte le Golf Variant sono di serie sette airbag, ABS, ESC, e l'indicatore della pressione dei pneumatici. Mentre attingendo alla lista degli optional si possono ordinare l' Adaptive Cruise Control, il Driver Alert, il Front Assist con City Emergency Braking, il Lane Assist, il PreCrash e il Road Sign Recognition.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage