Volkswagen: arriva la stampa 3D e cambia il modo di produrre le auto

Una produzione di auto vere ma con la stampa 3D, Volkswagen punta ad ottimizzare le piccole serie per arrivare a 100 mila pezzi l'anno

Volkswagen: arriva la stampa 3D e cambia il modo di produrre le auto
Le stampanti 3D si stanno sempre più diffondendo in molti settori. L'automotive non è da meno. Accolta con grande favore nel settore del restauro, e nella produzione di piccoli componenti, la stampa 3D interessa sempre più le case costruttrici. La domanda che tutti si pongono è quando sarà possibile affidare ad una stampante la realizzazione di una intera automobile di serie. Nell'attesa di poter tecnicamente dar corpo a questa idea in casa Volkswagen si lavora ad una partnership con il produttore di stampanti HP e con il produttore di componenti GKN Powder Metallurgy. Volkswagen sceglie quindi di investire nella tecnologia 3D per la produzione di massa di componenti auto.

IL PROGETTO VOLKSWAGEN

All'interno di una vettura della casa trovano posto dalle 6.000 alle 8.000 componenti diverse. Per la loro realizzazione è possibile, ad oggi, far ricorso solo in piccola parte ai processi di stampa 3D. I precedenti processi di stampa 3D possono essere impiegati solo per la produzione speciale di singole parti o prototipi. La tecnologia additiva 3D Metal Jet di HP, alla quale sta lavorando VW insieme ai sui partner, consentirà di realizzare un gran numero di componenti in un lasso di tempo contenuto. Questo nuovo processo di stampa 3D è di tipo additivo; le parti vengono prodotte strato per strato in processo di sinterizzazione che utilizza una polvere e un legante. Questo metodoto differisce dai precedenti processi in cui la polvere viene sciolta per mezzo di un laser.

I LIMITI DELLA STAMPA 3D

Se la tecnologia 3D sta conoscendo un sempre maggiore utilizzo nel settore dell'auto è anche merito degli investimenti delle case (BMW acquista la start-up Dekstop Metal). Purtroppo il grado di sviluppo di questa tecnologia non è ancora sufficiente a realizzare una intera automobile in "laboratorio". A tal proposito in casa Volkswagen c'è realismo ma anche grande ficucia "Un veicolo completo probabilmente non verrà prodotto da una stampante 3D in tempi brevi, ma il numero e le dimensioni delle parti della stampante 3D aumenteranno in modo significativo", ha spiegato il dott. Goede di VW.

STAMPA 3D E SETTORE AUTOMOTIVE

La stampa 3D trova oggi impiego nell'automotive in svariati ambiti, pensiamo nel restauro delle classiche. Molte componenti non sono più reperibili ed è necessario di riprodurle in piccola serie (leggi la stampa 3D in casa Porsche). La stampa 3D è oggi molto utilizzata in fase di prototipazione. I nuovi modelli realizzati al pc possono essere riprodotti in scala grazie alle stampanti. Il vantaggio è considerevole. I tempi di sviluppo del prodotto sono notevolmente ridotti con benefici anche in termini di bassi costi. L'elevato grado di affidabilità unito ad un ampio margine di sviluppo fanno della stampa 3D uno degli asset sui cui i colossi dell'auto investono maggiormente. A tal proposito Stephen Nigro, Presidente di 3D Printing presso HP e partner di Volkswagen nel progetto di sinterizzazione afferma che "mentre l'elettrificazione introduce nuove architetture di veicoli completamente nuove, siamo entusiasti di collaborare a future applicazioni 3D come l'alleggerimento di parti metalliche completamente funzionali e certificate di sicurezza"

Pubblicato in Novità Auto il 13 Settembre 2018 | Autore: Redazione


Commenti

Manutenzione Lampade Auto

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri