Volkswagen, 40 anni di Passat

La Volkswagen Passat compie 40 anni, è una tra la medie più vendute di sempre

30 luglio 2013 - 16:42

Nel 2013 il Gruppo Volkswagen è in piena lotta per la palma di primo produttore di automobili del mondo e nel suo sterminato portafoglio marchi può vantare leggende del motorismo mondiale come Bentley, Bugatti e Lamborghini. Per questo, se si torna indietro di 40 anni, ovvero quando nacque la prima Volkswagen Passat, si fa fatica a credere che VW fosse un marchio in crisi e con una gamma di prodotti obsoleta, legata ancora al concetto di motore/trazione posteriore; Infatti, il top di gamma era rappresentato dalla 411 lanciata nel 1968,

LA VOLKSWAGEN K70 – Visto lo scarso successo della 411, Volkswagen decise di produrre la K70, un'auto interamente progettata dalla NSU (marchio che nel frattempo era stato acquisito da VW) e che sposava il nuovo concetto automobilistico della meccanica tutto avanti; inoltre, aveva caratteristiche interessanti, come le sospensioni a quattro ruote indipendenti ed i motori 4 cilindri in linea con distribuzione monoalbero in testa. La K70 fu venduta in perdita per tre anni, fino al 1974, anno in cui cessò la produzione dopo soli 211.100 esemplari ultimati. Le ragioni del suo insuccesso furono le prestazioni inadeguate, aggravate da consumi impegnativi e la linea superata.

LA DERIVAZIONE AUDI – Così, nel 1973 la Volkswagen fece un secondo tentativo con una nuova berlina media derivata, meccanicamente, dall'Audi 80. Disegnata da Giorgetto Giugiaro, la Passat era caratterizzata da una linea a due volumi fastback con portellone posteriore, che la collocava sul mercato in maniera diversa rispetto alla 80, che era una classica tre volumi. La Volkswagen Passat condivideva con l'Audi 80 sia il pianale che la meccanica, il motore era anteriore longitudinale, così come la trazione e le sospensioni McPherson, mentre al posteriore c'era un retrotreno a ruote interconnesse. Insieme alla Golf, anch'essa figlia della matita italiana di Giugiaro, la Passat è stata il maggior successo della Volkswagen su scala mondiale

UN SUCCESSO DURATURO – Oggi la Passat è arrivata alla settima generazione, vendendo oltre 20 milioni di unità in tutto il mondo. Il modello si è evoluto negli anni, rimanendo sempre uno dei riferimenti del segmento, sia in versione berlina che station wagon. La seconda generazione del 1981 (B1) offriva già la trazione integrale, i motori turbodiesel e a cinque cilindri, diventando un'auto globale con produzione in Sud America, Sud Africa e Giappone. La terza serie aveva il primo pianale sviluppato interamente da Volkswagen (derivava da quello della Golf) e il motore trasversale. La quinta serie tornava invece al motore longitudinale e alla meccanica in comune con un modello Audi (la A4), tradizione mantenuta anche sulla sesta serie. L'ultimo restyling è del 2010, mentre nel 2014 arriverà la nuova generazione basata sulla nuova piattaforma modulare MQB.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo