Questo sito contribuisce alla audience de

Vergilius sulla Domitiana: 20.000 euro di multe in due giorni

Il sistema Vergilius ha già appioppato 500 multe in due giorni sulla Domitiana. Così lo Stato incassa, come minimo, 10.000 euro al giorno

Vergilius sulla Domitiana: 20.000 euro di multe in due giorni
Un boom di multe quasi senza precedenti: 500 sanzioni è il risultato dei primi due giorni di Vergilius sulla Domitiana, così come emerge da una nota diramata dalla Polstrada di Napoli.

NEONATO SCATENATO

Il mancato rispetto dei limiti di velocità costituisce una delle principali cause degli incidenti mortali sia sulle strade statali sia sulle autostrade. L'Anas ha quindi progettato e installato il nuovo sistema di rilevazione elettronica della velocità media e istantanea Vergilius su alcune tratte di strade ad alta incidentalità (vedi come riconoscerlo), in funzione, sotto la gestione e il controllo della Polizia stradale, da venerdì 27 luglio 2012 nel Lazio sulla SS1 "Aurelia", ai chilometri 11+950, 15+700 e 23+500; in Campania sulla SS7 quater "Domitiana", ai chilometri 44+500 e 54+300 e in Emilia Romagna sulla SS309 "Romea", ai chilometri 1+680 e 7+080. Il limite di velocità massimo consentito nei tratti stradali monitorati da Vergilius è di 90 km/h. Occhio: come il Tutor, potrebbe individuare anche la velocità in un solo punto (funzione autovelox, che però è probabile che sarà meno frequente). In particolare, sulla SS 7 Quater Domitiana, il sistema Vergilius copre un tratto di strada di circa 10 km operando su entrambe le carreggiate. Le postazioni di controllo, così come previsto dalla vigente normativa, risultano preventivamente segnalate e ben visibili. "Si tratta di un dispositivo che si inserisce nell'ottica della prevenzione dell'incidentalità, in una tratta percorsa da migliaia di automobilisti in particolare in questo periodo di intensa affluenza sul litorale domitio", afferma il neodirigente della Polizia stradale di Napoli, Maurizio Casamassima.

INFRAZIONI PERICOLOSE, MA...

Se l'eccesso di velocità è un'infrazione pericolosa, è altrettanto vero che il limite di 90 km/h sulle Statali a doppia carreggiata come la Domitiana appare troppo basso: le vetture hanno ormai una dotazione di sicurezza che consente di oltrepassare quella soglia senza rischi. Come fa notare Maurizio Caprino sul suo blog Strade sicure, questo tratto della Domiziana è a doppia carreggiata e ha un andamento fin troppo scorrevole perché la gente si convinca facilmente a non superare i 90 (che poi sarebbero quasi i 100 di tachimetro). Si ripropone quindi il problema di classificare queste superstrade scorrevoli come extraurbane principali da 110 all'ora: spesso mancano i requisiti (poco visibili al pubblico, come la lunghezza delle corsie di accelerazione e decelerazione e la completezza delle complanari che devono ospitare i veicoli lenti).

10.000 EURO AL GIORNO

È probabile che il numero di numero di multe sulla Domitiana calerà. Se invece si dovesse viaggiare al ritmo di 250 multe al giorno, ipotizzando un importo minimo (39 euro per un lieve eccesso di velocità), saremmo attorno ai 10.000 euro al giorno incassati dallo Stato (che incassa i verbali del Tutor in autostrada e di Vergilius sulle Statali). Fanno oltre 3,6 milioni di euro l'anno solo sulla Domitiana. Senza contare gli altri tratti (vedi mappa allegata), più quelli che arriveranno in futuro. Dopo un certo periodo di utilizzo di Vergilius, andrà anche valutato se i sinistri gravi saranno calati oppure no: nella seconda ipotesi, la sicurezza stradale non sarà migliorata, ma lo Stato avrà fatto affari d'oro. Il Tutor autostradale ha dato ottimi risultati, speriamo.

Pubblicato in Codice della Strada il 01 Agosto 2012 | Autore: Redazione


Allegati

Commenti

Alessandro Patanè il giorno 01 Agosto 2012 ha scritto:

Ho l’impressione che l’omologazione del Vergilius sia la stessa del Tutor senza spire (l'estensione del 5 settembre 2011). Il bando di gara DG 05/09 dell’Anas che riguardava proprio l’adozione di un sistema per il controllo della velocità media prevedeva l’omologazione del sistema in capo all’offerente; in questo caso Autostrade per l’Italia spa con il suo Sicve Tutor. Cosa bizzarra è che Autostrade per l’Italia spa voltura tutte le omologhe in capo a se il 9 dicembre del 2010 (incomprensibile harakiri? o furbata all'italiana della serie io posso tutto?) giustificando con un affitto di ramo d’azienda ad Autostrade Tech spa (società che si aggiudicherà successivamente l’appalto da 150 milioni di euro per il sistema di pedaggiamneto in free flow di Anas spa DG 13/10). Il trasferimento dell’omologazione del 9 dicembre 2010 è un atto nullo, quindi chiunque sia stato sanzionato con sistemi omologati da Autostrade per l’Italia spa e poi trasferiti ad Autostrade Tech spa può impugnare il verbale per nullità ma c'è di più chi avesse pagato e gli fossero stati levati i punti patente può chiedere la restituzione delle somme e dei punti (ripeto solo quelli dopo il 9 dicembre 2010). Infatti, l’art. 45 del Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 – Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni e l’art. 192 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 – Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni, regolano l’omologazione delle apparecchiature. Più precisamente, il comma 5 dell’art. 192 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada, recita testualmente che “la omologazione o la approvazione di prototipi è valida solo a nome del richiedente e non è trasmissibile a soggetti diversi”. Difatti l’omologazione rilasciata dal Ministero è esclusiva del richiedente vuoi persona fisica e vuoi persona giuridica, un diritto assoluto intrasmissibile. So per certo (perchè sono stato interpellato al riguardo per un supporto tecnico e giuridico sulla questione avendoci lavorato) che è stata costituitta un’associazione per promuovere una class action nei confronti di Autostrade Tech spa e della Polizia Stradale per la restituzione delle somme pagate per i verbali con rilevazioni di infrazioni dal 9 dicembre 2010 ad oggi.

Alessandro Patanè il giorno 01 Agosto 2012 ha scritto:

Se quindi come io penso, l’omologazione sarà la stessa con cui il Vergilius può sanzionare, che dire…non preoccupatevi…i verbali sono nulli per nullità di omologa.

Alessandro Patanè il giorno 02 Agosto 2012 ha scritto:

ATTENZIONE OMOLOGA NULLA DEL SICVE VERGILIUS e SICVE TUTOR . Il sito del MIT dove è possibile rintracciare le omologhe dei sistemi di controllo della velocità è privo di tali documenti da 7 giorni (che caso!!!), l’omologazione del (Sicve) Vergilius è la stessa del (Sicve) Tutor quello senza spire induttive per capirsi (ossia è l'estensione di omologa orinale del sicve Tutor quella n.3999 del 24/12/2004 con la variazione/estensione di una componente hardware che si legge nel decreto n.4413 del 5 settembre 2011). Il bando di gara DG 05/09 dell’Anas che riguardava proprio l’adozione di un sistema per il controllo della velocità media prevedeva l’omologazione del sistema in capo all’offerente; in questo caso Autostrade per l’Italia spa con il suo Sicve Tutor. Cosa bizzarra è che Autostrade per l’Italia spa voltura tutte le omologhe in capo a se con il decreto n. 97818 del 9 dicembre del 2010 (un incomprensibile harakiri? o furbata all'italiana della serie io posso tutto?) giustificando con un affitto di ramo d’azienda ad Autostrade Tech spa (società che si aggiudicherà successivamente l’appalto da 150 milioni di euro per il sistema di pedaggiamneto in free flow di Anas spa DG 13/10). Il trasferimento dell’omologazione del decreto n. 97818 del 9 dicembre 2010 è un atto nullo, quindi chiunque sia stato sanzionato con sistemi omologati da Autostrade per l’Italia spa e poi trasferiti ad Autostrade Tech spa può impugnare il verbale per nullità ma c'è di più chi avesse pagato e gli fossero stati levati i punti patente può chiedere la restituzione delle somme e dei punti (ripeto solo quelli dopo il 9 dicembre 2010). Infatti, l’art. 45 del Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 – Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni e l’art. 192 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 – Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni, regolano l’omologazione delle apparecchiature. Più precisamente, il comma 5 dell’art. 192 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada, recita testualmente che “la omologazione o la approvazione di prototipi è valida solo a nome del richiedente e non è trasmissibile a soggetti diversi”. Difatti l’omologazione rilasciata dal Ministero è esclusiva del richiedente vuoi persona fisica e vuoi persona giuridica, un diritto assoluto intrasmissibile. So per certo (perchè sono stato interpellato al riguardo per un supporto tecnico e giuridico sulla questione avendoci lavorato) che è stata costituitta un’associazione per promuovere una class action nei confronti di Autostrade Tech spa e della Polizia Stradale per la restituzione delle somme pagate per i verbali con rilevazioni di infrazioni da Sicve dal 9 dicembre 2010 ad oggi. Se quindi come io penso, l’omologazione è la stessa con cui il Vergilius può sanzionare, che dire degli spaventapasseri Vergilius e Tutor…non preoccupatevi…i verbali sono nulli per nullità di omologa e per chi ha già pagato c'è la possibilità di richiedere indietro soldi e punti patente.

Manuel Russo il giorno 19 Settembre 2012 ha scritto:

Salve a me pochi giorni fà sono stati recapitati 3 verbali relevati il 29/07/12 da Tutor Autostradali nella tratta Piacenza____Melegnano per un totale di 1.400€ e - 12 Punti sulla patente!!! Sono Nulli???? Come posso Fare??. grazie 1000 Saluti Manuel Russo.

Redazione SicurAUTO il giorno 19 Settembre 2012 ha scritto:

Sig. Russo, la invitiamo a formulare la sua richiesta sul nostro forum, nella sezione Codice della Strada e Ricorsi multe, affinchè possa essere visionata dai nostri esperti consulenti. cordiali saluti, Redazione di SicurAUTO

Alessandro Patanè il giorno 20 Settembre 2012 ha scritto:

Sig. Manuel Russo, si i verbali sono nulli, come ho avuto modo di scrive già il 2 agosto scorso. OMOLOGA NULLA SICVE TUTOR E SICVE VERGILIUS Il Vergilius ha la stessa omologazione del (Sicve) Tutor, quello senza spire induttive per intendersi (ossia è l'estensione di omologa originale del Sicve Tutor la n.3999 del 24/12/2004, con la variazione/estensione di una componente hardware che si legge nel decreto n.4413 del 5 settembre 2011). Clamoroso errore commesso da Autostrade per l’Italia spa che effettua la voltura di tutte le omologhe in capo a se con il decreto n. 97818 del 9 dicembre del 2010 (un incomprensibile harakiri? o furbata all'italiana della serie... io posso tutto?) giustificando con un affitto di ramo d’azienda ad Autostrade Tech spa. Il trasferimento dell’omologazione con decreto n. 97818 del 9 dicembre 2010 è un atto nullo, quindi chiunque sia stato sanzionato con sistemi omologati da Autostrade per l’Italia spa e poi trasferiti ad Autostrade Tech spa può impugnare il verbale per nullità; ma c'è di più chi avesse pagato e gli fossero stati levati i punti patente può chiedere la restituzione delle somme e dei punti (ripeto solo quelli dopo il 9 dicembre 2010). Infatti, l’art. 45 del Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 – Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni e l’art. 192 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 – Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni, regolano l’omologazione delle apparecchiature. Più precisamente, il comma 5 dell’art. 192 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada, recita testualmente che “la omologazione o la approvazione di prototipi è valida solo a nome del richiedente e non è trasmissibile a soggetti diversi”. Difatti l’omologazione rilasciata dal Ministero è esclusiva del richiedente vuoi persona fisica e vuoi persona giuridica, un diritto assoluto intrasmissibile. So per certo (perchè sono stato interpellato al riguardo per un supporto tecnico e giuridico sulla questione, avendoci lavorato) che è stata costituitta un’associazione per promuovere una class action nei confronti di Autostrade Tech spa e della Polizia Stradale per la restituzione delle somme pagate per i verbali con rilevazioni di infrazioni da Sicve dal 9 dicembre 2010 ad oggi. Quindi nella situazione di fatto che dire degli spaventapasseri Vergilius e Tutor…non preoccupatevi…i verbali sono nulli per nullità di omologa e per chi ha già pagato c'è la possibilità di richiedere indietro soldi e punti patente. ed ancora Il problema della nullità del Sicve (Tutor o Vergilius) è un'anomalia macroscopica che non si caspisce come nessuno non se ne sia accorto dal 9 dicembre 2010 ad oggi. A dicembre 2011 sono stato contattato per supportare una serie di ricorsi presso i GdP di diverse provincie per verbali Sicve Tutor, ad oggi non c’è stato ancora alcun dibbattimento, appena avremo i primi esiti ve ne renderò notizia. In ogni caso i ricorsi sono stati incentrati sulla dimostrazione di una serie di anomalie: A) Nullità di omologa; B) Indeterminazione del tipo di apparecchiatura utilizzata per l’accertamento dei transiti; C) Mancata indicazione del controllo periodico del sistema; D) Illegittimità Costituzionale del Sistema per violazione del Principio di non Discriminazione; E) Mancanza dell’indicazione e della firma del responsabile del procedimento amministrativo e del responsabile del procedimento informatico; F) Violazione del diritto di difesa. Ai GdP interpellati è stato richiesto in via principale dichiarare invalidi e/o nulli il verbali di accertamento opposti per i motivi di cui sopra. Inoltre si richiedeva, la documentazione tecnica del Sistema Sicve ed in particolare quella relativa all’istallazione delle postazioni di rilevamento, quella dei verbali di conformità prescritti dalle omologhe, quella dei verbali di controllo periodico del sistema e delle apparecchiature di rilevamento transiti; Inoltre si chiedeva la prova testimoniale, la sequenza fotografica o la ripresa video, espressamente imposta a carico degli agenti accertatori in base dell’art. 4 3 comma della legge 168/02. Accertata la nullità dei verbali per nullità della omologazione come illustrato, si chiede di porre sotto sequestro come previsto dalla legge il sistema Sicve-Tutor in uso alla Polizia Stradale per contenere il danno all’erario dall’utilizzo improprio del sistema di sanzionamento. Conseguentemente inviare gli atti alla Corte dei Conti per l’accertamento del danno all’erario cagionato per la produzione di tutti i verbali nulli o annullabili prodotti dal 09/12/2010 e trasmettere gli atti alla Procura della Repubblica al fine di accertare i motivi che hanno consentito una trasmissione di omologa contro legge, come indicato, concessa dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti con Decreto dirigenziale 9 dicembre 2010 n. 97818. Diego Abbatantuono direbbe: “Scusa se è poco”! Per i difensori del Sicve.... è un sistema geniale, nato bene (ma non senza macchia vedi la vicenda Craft srl di Romolo Donnini) e che rischia di diventare un clamoroso autogol per la supponenza (perchè ci sono altre vicende che stanno per venire alla luce) con cui è stato portato avanti questo progetto. In ogni caso un consiglio per tutti, rispettate le leggi ed i limiti di velocità.

Michele cerullo il giorno 26 Ottobre 2012 ha scritto:

Salve a me pochi giorni fa sono stati recapitati 2 verbali relativi uno al giorno 29/07/12 e l'altro 11/10/2012 sulla strada statale(extraurbana principale) SS7 QUA,VIA DOMIZIANA sito nel territorio GIUGLIANO IN CAMPANIA provincia di Napoli,dal sistema SICVe

Nicola Coccoluto il giorno 28 Febbraio 2014 ha scritto:

Salve, oggi mi è stato recapitato un verbale per eccesso di velocita per la tratta della SS7 che va da Pozzuoli a Giugliano in Campania coperta dal sistema SICVe. Avevo due domande a riguardo. La prima è se i ricorsi riportati in questo forum sono ancora validi visto che l'ultimo aggiornamento risale ad ottobre 2012. La seconda e: La tratta di 9,680 km che va da Pozzuoli a Giugliano di Campania in entrambe le direzioni è delimitata da due torrette con ignoti sensori di velocità, sulle quali è posto un unico cartello indicante l'omino della legge. Al contrario prima o durante tale tragitto, di quasi 10 km, non esiste una segnalazione che indichi che esso sia coperto da sistema SICVe, (infatti nonostante la frequenti da anni non ne avevo idea fino ad oggi). Quindi è giusto parlare di verbale non valido per mancanza di corretta o inesistente segnalazione? Ringrazio

Simone S il giorno 19 Settembre 2014 ha scritto:

Salve Al Sig. Patanè: mi aggiungo anche io, nel mese di Aprile 2014 ho commesso tale infrazione, sempre sulla SS Domitiana. Dato che il suo ultimo post risale al 2012, volevo sapere se la situazione ad oggi è sempre uguale, con la possibilità di fare ricorso ed avere successo, secondo quanto da Lei documentato. Spero che prenda visione del commento, intanto la ringrazio anticipatamente!

alessio russo il giorno 22 Ottobre 2014 ha scritto:

Ciao anche io ho ricevuto un verbale e volevo sapere se la contestazione del sig pagane fosse ancora valida e se qualcuno nell'ultimo periodo la fatta e quali sono stati i riscontri

Martinelli giovanni il giorno 29 Gennaio 2015 ha scritto:

Salve ieri 28 01 2015 mie stato recapitato un verbale rilevato dal tutor x eccesso di velocità sulla variante quater domiziana tra pozzuoli e giugliano provincia di Napoli e ancora possibile fare ricorso x la non corretta omologazione del tutor aspetto una vostra risposta al più presto visto che ho 5 giorni x pagare la multa grazie Giovanni Martinelli

alberto lupo il giorno 21 Ottobre 2015 ha scritto:

è giusto informare gli automobilisti se il sistema è attivo, così come accade sulla tangenziale di napoli, dove la società indica con i display luminosi " tutor attivo". A circa un chilometro dal tutor sono state montate due telecamere che riprendono le auto frontalmente. A cosa servono? un giudice di pozzuoli non ricordo il nome dice che non è omologato.


Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri