Ventimila automobilisti europei votano le auto. Tra le più affidabili, quelle a basso prezzo

Perché si sceglie un'auto, se ne è soddisfatti, quante volte la si è dovuta portare in officina in un anno. Oltre ventimila consumatori europei hanno partecipato all'inchiesta di Altroconsumo...

4 febbraio 2010 - 0:00

Perché si sceglie un'auto, se ne è soddisfatti, quante volte la si è dovuta portare in officina in un anno. Oltre ventimila consumatori europei hanno partecipato all'inchiesta di Altroconsumo sull'affidabilità della propria automobile, decretando pregi e difetti di 34 marche automobilistiche, formulando giudizi su ben 144 modelli. La classifica integrale è consultabile su www.altroconsumo.it/auto.

L'inchiesta di affidabilità è stata condotta oltre che in Italia in Francia, Belgio, Spagna, Portogallo. Tra i modelli nuovi, un'auto low cost risulta aver avuto meno problemi di altre auto, anche tra i colossi del settore. Con poco più di 12.000 euro, incentivi esclusi, conquista il podio la rumena Dacia Logan MCV 1500D. Seconda e terza classificata la Peugeot 207 1400 e la Fiat Panda 1200.

Nel complesso, i marchi più affidabili restano, come emerso anche dalle inchieste degli scorsi anni, quelli giapponesi: ben sette case costruttrici tra le prima dieci della classifica sono nipponiche. E anche per i costi della manutenzione, i modelli del Sol Levante si comportano meglio di quelli del vecchio e nuovo continente, eccezion fatta per Fiat: in media all'anno si spendono 200 euro per una manutenzione ordinaria per Suzuki, Toyota e, appunto, Fiat, contro i 425 euro di Jeep e i 430 di BMV.

Dall'inchiesta emergono anche le ragioni di scelta di un modello: in testa le esigenze di utilizzo (station wagon, suv, sportiva) e il livello di prezzo. Quasi nessuno sceglie l'auto per gli optional e pochi ancora per il fatto che sia ecologica o a bassa emissione di CO2. Affiora anche il sommerso, vizietto del Bel paese: l'8,3% dei clienti delle officine preferisce pagare in nero le riparazioni, contro 1,2% della Francia. Pessima abitudine, se si considera che senza ricevuta o fattura non può essere applicata nessuna garanzia. In caso di problemi, non si potrà chiedere il rimborso della cifra spesa o pretendere una nuova riparazione da parte dell'autofficina. Fuori dalla legalità, nessun paracadute.

La graduatoria di Altroconsumo è stilata su un indice che assegna un peso differente e ponderato a seconda della gravità del guasto riscontrato. Le auto considerate hanno un'età compresa tra i sei mesi e gli otto anni, e devono aver percorso almeno mille chilometri negli ultimi dodici mesi

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più

Multa sconto 30%

Notifica multe: come si calcolano i 90 giorni per l’annullamento

Auto nuove in Europa: +1% le immatricolazioni a settembre 2020