USA: in estate più di 10 morti al giorno causati da adolescenti alla guida

Nei 100 giorni delle vacanze estive negli USA oltre 1.000 decessi vengono causati dai giovani alla guida, serve una maggiore educazione

USA: in estate più di 10 morti al giorno causati da adolescenti alla guida
Partiamo dal presupposto che la patente negli USA viene rilasciata prima e quindi ci sono più giovani in circolazione sulle strade, mentre in Italia solo 2 su 10 la prendono a 18 anni, ma in ogni caso i dati emergenti da una ricerca dell'AAA Foundation for Traffic Safety sono abbastanza preoccupanti. Lo studio ha analizzato il periodo estivo dal preoccupante "soprannome"100 Deadliest Days, quello in cui le scuole sono chiuse che va dal Memorial Day (ultimo lunedì di maggio) al Labor Day (primo lunedì di settembre). Tra i due limiti temporali negli USA è stato registrato un grande aumento degli incidenti mortali in cui rimangono coinvolti i giovani, non necessariamente per colpa loro, che ha generato un totale di 1050 vittime, soprattutto nelle ore notturne. Se da una parte gli adolescenti possono comprensibilmente peccare di inesperienza, dall'altra è compito degli adulti dare l'esempio ed impostarli per una guida sicura.

NUMERI CHE SPAVENTANO 

La Fondazione AAA è un'organizzazione no-profit che impegnata nella prevenzione e nella sicurezza stradale negli USA. La ricerca relativa al 2016 ha portato alla luce un aumento del 14% di decessi durante i 100 Deadliest Day rispetto al resto dell'anno, dovuto ovviamente alla chiusura delle scuole a ad una maggiore libertà di uscita dei giovani (). Secondo il direttore della fondazione, David Yang: "I giovani conducenti sono più a rischio e hanno tassi di incidentalità più elevati rispetto a chi è più anziano ed esperto. Attraverso l'educazione, la formazione adeguata e il coinvolgimento dei genitori possiamo aiutare i nostri giovani a diventare autisti migliori e più sicuri, alzando di conseguenza il livello di sicurezza di tutti".

I RISCHI DELLA NOTTE E DELLA VELOCITÀ 

Come sappiamo ormai i giovani sono il popolo della notte, ma è proprio nelle ore di buio che aumentano i pericoli. Un decimo degli incidenti notturni ha visto il coinvolgimento di un giovane alla guida, ed oltre un terzo (36%) sono avvenuti tra le 21:00 e le 5:00 del giorno successivo; infine si rivela un aumento del 22% degli incidenti notturni nei famosi "100 giorni" rispetto al resto dell'anno. La notte si conferma quindi una cattiva consigliera, ma la velocità non è da meno: 1 incidente mortale su 10 collegato al superamento dei limiti ha visto coinvolto un giovane, e il 29% di tutti i decessi automobilistici causati da adolescenti è da attribuire alla velocità. Ma tra i peggiori nemici c'è ancora una volta la distrazione (attenzione anche ai sistemi di infotainment)che come si può vedere nel video qui sotto mette continuamente a repentaglio la vita dei ragazzi, e non solo.

L'ESEMPIO DAGLI ADULTI 

Come è chiaro anche dalle parole di David Yang, l'AAA Foundation for Traffic Safety si rivolge ai genitori e agli adulti ancor prima che ai giovani. Nel diffondere i dati fa anche un monito verso i grandi invitandoli a seguire delle regole basilari (qui puoi leggere quelle di Michelin) ma spesso dimenticate che aiuterebbero ad abbattere i numeri appena citati. La richiesta è che i genitori siano i primi a dare l'esempio non assumendo comportamenti sbagliati durante la guida, ma la necessità è anche quella di trasmettere ai giovani le norme della strada e le regole al volante. Ma l'aiuto non deve provenire solamente dalle famiglie, ed è infatti la stessa fondazione AAA a richiedere un rafforzamento delle leggi sulla guida degli adolescenti, tra cui divieti più severi per quanto riguarda l'utilizzo di dispositivi e cellulari alla guida, sanzioni per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e restrizioni sulla guida notturna.

Pubblicato in Attualità il 07 Giugno 2018 | Autore: Redazione (F)


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri