Un quarto dei passeggeri posteriori non allaccia la cintura

Un quarto dei passeggeri posteriori non allaccia la cintura Il censimento upi 2010 non evidenzia variazioni percentuali significative rispetto all'anno scorso. Sul piano nazionale

Il censimento upi 2010 non evidenzia variazioni percentuali significative rispetto all'anno scorso. Sul piano nazionale, l'88 percento dei conducenti (2009: 87%) e l'89 percento dei passeggeri ...

23 Luglio 2010 - 03:07

Il censimento upi 2010 non evidenzia variazioni percentuali significative rispetto all'anno scorso. Sul piano nazionale, l'88 percento dei conducenti (2009: 87%) e l'89 percento dei passeggeri anteriori (2009: 88%) allaccia la cintura. La quota d'uso sui sedili posteriori è passata dal 68 al 74 percento.

L'ultima rilevazione rappresentativa dell'upi – Ufficio prevenzione infortuni – sulla quota d'uso della cintura di sicurezza evidenzia un quadro differenziato a seconda delle regioni. In Ticino la percentuale è del 77 percento tra i conducenti (2009: 83%) e del 79 percento tra i passeggeri anteriori (2009: 84%). La crescita significativa registrata l'anno scorso in questo cantone si è quindi smorzata. Nella Svizzera romanda l'83 percento dei conducenti (2009: 82%) e l'84 percento dei passeggeri anteriori (2009: 84%) allaccia la cintura. Sia in Svizzera francese che in Svizzera tedesca, le percentuali sono rimaste sostanzialmente invariate rispetto all'anno precedente: il 90 percento dei conducenti (2009: 89%) e il 91 percento dei passeggeri anteriori (2009: 89%) rispetta l'obbligo di allacciare le cinture di sicurezza. Da segnalare comunque il leggero incremento rispetto al 2009 registrato su scala nazionale per i passeggeri posteriori. Tuttavia, se si considera che dal 1994 la cintura è obbligatoria anche sui sedili posteriori, la quota d'uso del 74 percento (2009: 68%) è tuttora insoddisfacente.

La cintura di sicurezza resta il più importante dispositivo salvavita per chi viaggia in automobile. Si stima che da quando è stata inventata negli anni Cinquanta ha salvato oltre un milione di vite umane. Se allacciarla divenisse un gesto automatico per tutti i passeggeri, in Svizzera si potrebbero salvare 40 vite umane ed evitare 150 feriti gravi. Benché le statistiche degli ultimi anni denotino un aumento delle percentuali d'uso, la Svizzera ha ancora molta strada da compiere per raggiungere i risultati dei Paesi vicini (per confronto la quota d'uso tra i conducenti all'interno delle località è del 96% in Germania, del 98% in Francia e dell'83% in Svizzera). L'upi, il centro svizzero di competenza per la prevenzione degli infortuni, si impegna con altri partner e in particolare con la polizia affinché in Svizzera allacciare la cintura diventi un gesto automatico, anche sui sedili posteriori.

fonte – bfu.ch

Commenta con la tua opinione

X