Conegliano - L'esercito degli scooteristi è pronto a salire in sella. Sono ben 1.588 gli studenti delle scuole di Conegliano che hanno domandato di seguire in classe il corso per ottenere il...

8 febbraio 2004 - 11:19

Conegliano – L'esercito degli scooteristi è pronto a salire in sella. Sono ben 1.588 gli studenti delle scuole di Conegliano che hanno domandato di seguire in classe il corso per ottenere il “patentino”, obbligatorio dal giugno prossimo per i ragazzi di almeno 14 anni che vogliano guidare i ciclomotori con velocità massima di 45 chilometri orari. Per fronteggiare questo boom di richieste il Comune si è visto così costretto a cercare la collaborazione delle Amministrazioni dell'hinterland.

Se con tutta probabilità sono coneglianesi “doc” gli alunni delle medie cittadine che aspirano a circolare in motorino (47 della “Brustolon” e 89 fra “Cima” e “Grava”), provengono invece anche da fuori gli interessati che frequentano le superiori: 150 al “Fanno”, 200 all'Ipsia “Pittoni”, 400 all'Itis “Galilei”, 70 al Turistico “Da Collo”, 142 al Collegio Immacolata, 300 all'Enologia “Cerletti” e 190 al liceo “Marconi”. «Era quindi inevitabile unire le forze», spiega il primo cittadino Floriano Zambon, che martedì sera ha presieduto la riunione della Consulta dei sindaci del Coneglianese convocata sul tema. Cinque autoscuole del territorio hanno dato la loro disponibilità a tenere gratuitamente, a partire da marzo, le 12 ore di lezioni teoriche previste per il rilascio del certificato di abilitazione: due istruttori della “Caporin”, altrettanti della “Coneglianese”, uno della “Veneta”, un altro della “Cais” ed un paio della “Caber”. Ma, secondo le proiezioni della polizia municipale di piazzale San Martino, perché l'iniziativa sia fattibile occorrerebbe che fossero fra 18 e 20 gli insegnanti chiamati ad impartire le 618 ore complessive. «Le figure mancanti verranno coperte dai vigili urbani – riferisce il comandante Romeo Daniele. – Sono troppo pochi i professori che hanno completato il corso di formazione, perciò non ci è rimasto che decidere di mandare i nostri agenti a trasmettere le nozioni sul codice della strada e a vigilare sulla prova finale. Ma certo non poteva essere solo il comando di Conegliano a mobilitarsi, altrimenti di pattuglie sulle strade non se ne sarebbero più viste per almeno un paio di mesi». Alcuni amministratori della Consulta hanno così acconsentito a “prestare” i propri dipendenti per l'operazione: San Fior, Codognè, Mareno, Godega, mentre l'ok del consorzio “Piave” dovrebbe permettere di muovere pure i vigili di Susegana, Santa Lucia e Vazzola. Gli agenti del comprensorio, fra l'altro, si occuperanno anche degli studenti che frequentano le medie dei vari paesi.

Passata questa ondata, la situazione si annuncia comunque più gestibile. A partire dal 2005, infatti, a chiedere il patentino dovrebbero essere solo i neo-quattordicenni di ogni anno.

Fonte: Il Gazzettino

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)