Un altro morto: il dramma dei bambini

Taranto, bimbo di 3 anni travolto e ucciso da un Suv: nel 2013 sono già 25 i bambini che hanno perso la vita sulla strada

10 luglio 2013 - 8:00

Il recente dramma di Taranto è angosciante: un bimbo di 3 anni è stato travolto e ucciso da un Suv.

UNA PRIMA RICOSTRUZIONE – Il bambino nato a Novara e residente a Borgosesia (Vercelli) era arrivato nel Tarantino assieme alla mamma e al nonno per trascorrere le vacanze al mare. A Torricella, nel Tarantino, in località Trullo di Mare, nel pomeriggio del 7 luglio il piccolo sarebbe sfuggito alla sorveglianza dei parenti, avrebbe aperto il cancelletto e sarebbe scappato in strada nel momento in cui passava un Suv guidato da un uomo di 43 anni di Grottaglie che insieme ai figli si stava recando al mare. Il conducente (che ora è in stato di choc)  pare non abbia potuto evitarlo: s'è subito fermato a soccorrerlo. Il piccino è finito sotto l'auto: quando il bimbo è arrivato all'ospedale Giannuzzi di Manduria, era ancora vivo, ma è morto nonostante i tentativi di rianimarlo.

ALTRI DUE EPISODI – Proprio un mese fa, una bambina di 3 anni è morta dopo essere stata investita per strada da un'auto sotto gli occhi dei genitori a Cassina Nuova, una frazione di Bollate, nel Milanese. La piccola, di origini albanesi e residente con la famiglia a Legnano, ha attraversato ma è stata travolta da una vettura. E a maggio, una bambina di due anni è morta dopo essere stata investita da un'auto in manovra guidata da una parente che non si sarebbe accorta della sua presenza: è accaduto poco prima delle 19 a Monteombraro di Zocca, nel Modenese, nel cortile di un'azienda agricola.

UNA STRAGE DA FERMARE –  Secondo l'Asaps, nel 2013 sono già 25 i bambini fino a 13 anni che hanno perso la vita sulla strada: di cui, 13 trasportati, 11 pedoni e un piccino in bici. Un recente studio del dipartimento di Sanità pubblica dell'Azienda Usl di Bologna, compiuto sul territorio metropolitano, sottolinea che il 46.7% dei bambini non viene messo in sicurezza durante il trasporto in auto. In particolare, su 424 minori osservati, 340 dei quali con un'altezza inferiore a 150 cm, il 46.7% non viaggiava in condizioni di sicurezza. Gli altri 84 bambini, di altezza superiore a 150 cm, per il 66% erano allacciati sul sedile anteriore, mentre il 34% sedeva sul sedile posteriore senza alcun tipo di protezione. Come si vede, al di là delle atroci coincidenze (la macchina che passa esattamente nel momento in cui il piccolo attraversa la strada), ci sono anche gravi responsabilità degli adulti. Serve, in particolare, un'opera di sensibilizzazione verso chi guida, affinché trasporti correttamente i piccini, e compia le manovre come la retromarcia con la massima circospezione.

1 commento

Paoblog
9:00, 10 luglio 2013

Fermo restando che i bambini sono maestri nello sfuggire al controllo, resta il fatto che gli incidenti capitano, ma nel momento in cui un bambino di 3 anni apre il cancelletto del giardino ed esce in strada, le responsabilità sono tutte dei genitori; gli stessi genitori che li mettono in auto senza il seggiolino, in piedi fra i sedili e via dicendo.
°
Ancora ieri di fianco a me un'auto con lamamma alla guida, regolarmente allacciata e la bambina dietro, in piedi fra i sedili, pronta ad essere sparata fuori dal parabrezza. Ed allora una volta di più ti chiedi come sia possibile che questi genitori non riescano a vedere il pericolo.
°
Giorni fa un'amcia mi diceva che quando vede i vicini di casa con il bambino seduto davanti, in braccio alla mamma, non riesce a trattenersi e glielo fa notare e sistematicamente viene mandata a fanc……
°
E ieri ho letto questa notizia: “Mamma esce dal garage in retromarcia e investe la bimba di 19 mesi: è grave La donna ha fatto salire in auto il cane ma non la figlia” ed allora vien da pensare che oltre che alla patente per guidare l'auto, ne servirebbe una per diventare genitore, perchè di gente che non ha la testa per essere “Genitore responsabile”, ce nè troppa ormai…
°
(Vedi: http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_luglio_9/lecco-mamma-investe-auto-bambina-19-mesi-retromarcia-esce-garage-2222072642454.shtml )

POTRESTI ESSERTI PERSO

Daimler: il taglio di 6 miliardi e il futuro senza Nissan-Renault

Automobilisti italiani: il 79,5% afferma di rispettare le regole

Controllo pneumatici: la giusta pressione fa risparmiare 83 euro l’anno