Uisp, progetto di educazione stradale

E' iniziato il 12 aprile presso la direzione didattica di Atripalda - Scuola elementare "De Amicis" il progetto di educazione stradale "Una strada.. per amica" che sta coinvolgendo 120 bambini ...

14 aprile 2010 - 9:02

E' iniziato il 12 aprile presso la direzione didattica di Atripalda – Scuola elementare “De Amicis” il progetto di educazione stradale “Una strada.. per amica” che sta coinvolgendo 120 bambini che frequentano le classi terze dei plessi di via Roma e via Manfredi.

Il progetto curato dal corpo docente coordinato dall'insegnante Maria Fasano e diretto dal dirigente scolastico Elio Parziale si avvale di alcune lezioni frontali attraverso la partecipazione della polizia municipale di Atripalda coordinata dal tenente Parziale e dagli agenti D'agostino e De Pascale. La stessa direzione si avvale anche della collaborazione della UISP di Avellino diretta dal presidente Soricelli, già partecipe di altre iniziative, e dal pedagogista Domenico Cerullo.
Il percorso didattico è stato promosso allo scopo di favorire lo sviluppo di atteggiamenti corretti negli alunni rispetto alle norme di comportamento sulla strada. Sarà spiegato ai ragazzi la funzione degli spazi stradali, la ciclabilità, la conoscenza e il rispetto delle regole.

Articolato e variegato sarà il calendario delle numerose giornate dedicate a questa iniziativa che vedrà la proiezione di dvd, prove pratiche e schede operative da compilare. Sarà inoltre mostrata in classe una bicicletta e saranno date ai ragazzi nozioni sulle parti della stessa e la sua manutenzione. Sarà spiegato infine l'utilizzo del casco anche se non ancora obbligatorio.

Il progetto sarà concluso con una manifestazione finale nella piazza Umberto I di Atripalda per la fine di maggio quando sarà terminato la fase teorica del progetto.

fonte – irpiniaoggi.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incendi veicoli elettrici a Londra: +300% nel 2021

Sciopero 25 febbraio 2022 metro bus

Fermata autobus: regole per veicoli e pedoni

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa