Ubriachi o drogati, via una patente al giorno

Ogni giorno, un automobilista imperiese "perde" la patente perché ubriaco o perché guida sotto l'effetto di droghe. Dall'inizio dell'anno a oggi sono già trecento gli automobilisti finiti...

25 agosto 2008 - 10:15

Ogni giorno, un automobilista imperiese “perde” la patente perché ubriaco o perché guida sotto l'effetto di droghe. Dall'inizio dell'anno a oggi sono già trecento gli automobilisti finiti nella rete della polizia stradale e denunciati alla magistratura. Soltanto a luglio e agosto i conducenti denunciati sono stati 68.

Ma il dato più allarmante è che il rapporto tra incidenti stradali e conducenti trovati positivi ai test dell'etilometro è anche in provincia piuttosto elevato: in media un automobilista su cinque risulta positivo all'esame.

I controlli sulle strade della Riviera dall'inizio dell'anno, e soprattutto in estate, sono stati ancora più incisivi, ma purtroppo il numero degli incidenti in provincia, sia sull'Aurelia che in autostrada, sono ancora troppi. Lo dicono le statistiche elaborate dal comando provinciale della polizia stradale. Tra il 1 luglio e il 21 agosto, ultimo dato disponibile della statistica fornita dal comando di via Littardi, gli incidenti sono stati 140, 62 con feriti, 76 con danni ai mezzi, 2 con persone decedute. Ma la situazione, rispetto all'anno scorso, è leggermente migliorata. «E' così – afferma il vice questore aggiunto Andrea Frumento, comandante della polizia stradale di Imperia – se si fa un confronto con la statistica del 2007 sia gli incidenti rilevati dalle nostre pattuglie, sia le infrazioni al codice della strada che abbiamo rilevato, anche se non di molto, sono diminuiti. Sono diminuiti anche coloro che si mettono al volante dopo aver bevuto alcol o assunto droghe, ma 300 denunciati in otto mesi – dice il funzionario della Stradale – rappresenta un dato comunque poco confortante. Vero che durante i nostri controlli abbiamo notato una maggiore consapevolezza del problema da parte degli utenti della strada. Purtroppo, però, sono ancora molti coloro che sono all'oscuro di quello che rischiano: la sospensione della patente, una denuncia penale e nella peggiore delle ipotesi anche l'arresto in caso di incidente, sempre deciso eventualmente dal magistrato».

I controlli, si diceva, dall'inizio dell'anno si sono fatti ancora più incisivi: sulle strade della Riviera sono state impiegate qualcosa come 930 pattuglie, ovvero 18 al giorno più o meno metà in autostrada, tra Savona e Ventimiglia e metà sull'Aurelia e sulle strade limitrofe. «Durante l'estate ci siamo dedicati prevalentemente ai controlli sui veicoli pesanti – dice Frumento – Nel mese di agosto invece, quando molte aziende di autotrasporto sono chiuse, ci siamo dedicati ai centri urbani. Il 21 agosto scorso, a Sanremo, abbiamo rilevato 60 infrazioni commesse da proprietari di moto e scooter. Nei servizi a Imperia, Sanremo e Ventimiglia abbiamo rilevato 230 infrazioni di cui 33 per mancata revisione. Quello che abbiamo riscontrato, purtroppo, è che l'obbligo di fare revisionare il ciclomotore e lo scooter non è molto rispettato. Questo è un altro dato allarmante perché la prima cosa che ogni utente della strada dovrebbe rispettare e la manutenzione e le condizioni di sicurezza del mezzo che guida».

Fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Safety Days 2022

Safety Days 2022: zero vittime della strada in 12 Paesi UE

Targhe estere UE boccia il divieto

Targa personalizzata auto: si può avere in Italia?

Offerte auto con rottamazione

Offerte auto con rottamazione: ottobre 2022