TRW: pronto il radar anticollisione a 24 GHz “low cost”

Avviata la produzione del radar AC100 a 24 GHz che potrà essere installato anche sulle berline meno esclusive e lussuose

11 ottobre 2012 - 12:00

TRW ha annunciato l'inizio della produzione del radar anticollisione AC100 a 24 GHz che equipaggerà i veicoli commerciali e le prossime auto di segmento C. Le nuove funzioni di sicurezza e comfort alla guida saranno così estese a tutte le auto indipendentemente dal settore di mercato che occupano. Un sistema che renderà sempre più diffuso l'AEB, il sistema che frena l'auto da sola in caso di emergenza.

SICUREZZA PIU' ATTIVA – Il nuovo radar AC100, costruito nello stabilimento di Autocruise vicino a Brest, in Francia, potrà essere equipaggiato su tutte le berline destinate al mercato europeo, dopo un'iniziale applicazione a una piattaforma autocarro per veicoli commerciali. L'impiego del radar sulle auto medie consentirà di integrare ai sistemi di sicurezza attivi già presenti su molti modelli, le funzioni di Adaptive Cruise Control, la funzione di “Prefill”, che precarica il sistema frenante al fine di consentire una risposta più pronta sia quando interviene l'Automatic Emergency Braking (AEB) sia in caso di frenata da parte del guidatore, riducendo così gli spazi di frenata. Peter Austen, direttore della divisione DAS (Driver Assistance Systems) TRW, ha così commentato: “Il panorama automobilistico sta cambiando rapidamente, con l'introduzione delle normative che rendono obbligatoria la frenata d'emergenza automatica (AEB) sui nuovi modelli di autocarri europei dal 2013, e la futura applicazione dei nuovi criteri di valutazione Euro NCAP. Queste iniziative stanno già favorendo e continueranno a promuovere la diffusione delle tecnologie di assistenza alla guida come il radar, fondamentale per l'esecuzione dell'AEB”.

VEDE ANCHE CON LA NEBBIA – Il nuovo radar AC100 implementerà molte funzioni del radar AC20 a 77 GHz che già equipaggia diversi veicoli del segmento D e E, come la VW Phaeton in grado di controllare 200 metri di strada davanti a sé. L'ottimizzazione delle prestazioni nel sistema AC100 consentirà l'applicazione della tecnologia radar su un numero maggiore di auto circolanti a un prezzo inferiore rispetto a quello necessario fino a qualche anno fa. La riduzione delle frequenze di funzionamento ha consentito l'abbassamento dei costi pur garantendo un funzionamento ottimale entro un raggio di 150 metri, rilevando i veicoli che precedono in qualsiasi condizione di luce o meteorologica. A differenza dei più economici sistemi di rilevamento con tecnologia laser, il sistema radar funziona anche in caso di nebbia, pioggia battente e ad alta velocità, mentre il precedente restringe il suo campo d'applicazione solo in condizioni di visibilità ottimale.

PROGETTI FUTURI – Il radar AC100 che favorirà la guida autonoma da “stop&go” in condizioni di traffico per un maggiore comfort di guida (guarda un video demo di guida automatica in coda), sarà il precursore di una piattaforma estesa di rilevamento radar su tutta l'area che circonda l'auto. Conclude Peter Austen “I sistemi di assistenza alla guida basati sulla tecnologia radar rappresentano un importante passo avanti, in linea con gli obiettivi della Commissione europea, mirati ad aumentare la sicurezza stradale. La nostra azienda continua ad investire in questa tecnologia, e ha in programma lo sviluppo di una piattaforma radar di nuova generazione (AC1000) per il rilevamento a 360°, che permetterà di ottenere condizioni di sicurezza e di comfort di livello avanzato. Queste soluzioni porteranno la sicurezza in tutte le piattaforme di veicoli e in tutti i mercati”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage