Trieste – Sicurezza stradale: prestigioso riconoscimento internazionale per uno studio del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale

Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell'Università di Trieste ha ricevuto un prestigioso riconoscimento: l'"Outstanding Paper Award", nell'ambito del...

4 settembre 2010 - 22:20

Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell'Università di Trieste ha ricevuto un prestigioso riconoscimento: l'”Outstanding Paper Award”, nell'ambito del “4th International Symposium on Highway Geometric Design”, organizzato dal Transportation Research Board (TRB), una delle sei sezioni del National Research Council degli USA.

Il Symposium, al quale hanno preso parte studiosi provenienti da 46 Paesi, si è tenuto a Valencia nella prima settimana di giugno di questo anno. I “paper” inizialmente sottoposti al Comitato Scientifico sono stati 180, di questi solo 85 sono stati ritenuti idonei ad essere presentati al convegno. A quattro di questi è stata quindi attribuita una particolare menzione di merito da parte del Comitato Scientifico (gli “Outstanding Paper Award”, appunto): premiati, assieme al paper italiano, due paper statunitensi ed uno australiano.

Il lavoro italiano, dal titolo “Application of design consistency evaluation tools for two-lane rural roads: case study from Italy” (“Applicazione di strumenti di valutazione della congruenza di progetto di strade extraurbane a due corsie e doppio senso di marcia: un caso di studio italiano”), è stato coordinato dal Prof. Ing. Aurelio Marchionna, ordinario di strade, ferrovie e aeroporti presso la Facoltà d'Ingegneria dell'Università di Trieste, e vi hanno partecipato l'Ing. Paolo Perco (assegnista di ricerca) e l'Ing. Nicola Falconetti (dottorando di ricerca).

Questo “paper” tratta dell'impiego del diagramma delle velocità operative, ossia di uno degli strumenti all'avanguardia per la valutazione della sicurezza di un tracciato stradale. L'uso di tale diagaramma , che consente l'individuazione dei punti di potenziale rischio per l'utente stradale , risulta particolarmente efficace come strumento di supporto alle scelte progettuali, in particolare per la pianificazione degli interventi di adeguamento della reti stradali esistenti.

Il premio testimonia l'attualità e validità della ricerca condotta presso il Dipartimento e costituiisce un importante riconiscimento, a livello internazionale, per gli autori.

fonte – univ.trieste.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage