“TrasporTiAmo”: campagna per la sicurezza. Ma…

Al via la campagna per la sicurezza "TrasporTiAmo": 300 Tir brandizzati, e 30 con opere d'arte. Ma è tutto oro quel che luccica?

16 febbraio 2012 - 9:00

Il Comitato centrale dell'albo degli autotrasportatori lancia la campagna per la sicurezza “TrasporTiAmo”, dal sottotitolo “guidati dalla passione”: 300 veicoli di aziende italiane leader saranno brandizzati sul retro dal logo TrasporTiAmo e sulle strade italiane. Ci saranno poi trenta veicoli trasformati vere e proprie opere d'arte in movimento: le aziende di settore offriranno i propri mezzi sui quali un gruppo di giovani artisti rappresenteranno su tela il loro ideale di sicurezza stradale.

DATI – Le vittime da incidenti con il coinvolgimento di veicoli industriali, ricordano gli autotrasportatori durante la conferenza stampa, sono quasi dimezzate dal 1991 a oggi, passando da 502 a 268 (-46,6%). Il presidente della Consulta per l'autostrasporto Bartolomeo Giachino ha inoltre ricordato che in Italia, “dalla patente a punti alla normativa che prevede il sequestro del mezzo in caso di incidente grave, fino al divieto assoluto di consumare alcolici per gli autisti professionali, molto è stato fatto e ci auguriamo che il settore proseguirà su questa strada”.

QUALCHE RIFLESSIONE – Di sicuro la sensibilizzazione è utile. Tuttavia, ci lasciano perplessi le “opere d'arte” sui 30 Tir. Non c'è il rischio che qualche automobilista si distragga, perda di vista la strada e causi un incidente? Sarebbe un paradosso: una campagna a favore della sicurezza che diventa un boomerang. È vero che ormai si è abituati a vedere campeggiare di tutto su enormi cartelloni pubblicitari: da seni giganteschi e ragazze ammiccanti, sino a foto e disegni molto particolari. Tuttavia, i Tir sono non hanno (quasi) mai attratto l'attenzione degli altri guidatori, almeno sinora: la novità dell'opera d'arte del veicolo potrebbe non essere lo strumento migliore per combattere i sinistri.

SINISTRI – La campagna “TrasporTiAmo” è concepita piuttosto bene; ma servirà solo se non resterà simbolica: ai messaggi devono seguire comportamenti virtuosi. In quanto ai numeri, vanno manovrati con le pinze; la domanda infatti è: i Tir quanti sinistri provocano senza rimanerne coinvolti? Si vedano i copertoni rotti, il materiale perso per strada, i veicoli sovraccarichi, le auto che sbandano per evitarli quando i mezzi pesanti effettuano manovre azzardate in autostrada. Non sarà certamente questo il caso, tuttavia l'esperienza ci suggerisce cautela: di campagne per la sicurezza basate su mille buoni propositi, poi non realizzati, se ne sono viste numerose…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cupra Born elettrica al top nelle prove di Green NCAP

Sciopero 10 ottobre 2022

Sciopero 10 ottobre 2022 trasporto pubblico: orari e fasce garantite

Giovani al volante: perché non rispettano le regole?