Trasporto merci e logistica: serve un nuovo piano degli orari

A Milano si discute sui problemi della logistica e del trasporto merci, attività che diventano sempre più inquinanti e che vanno razionalizzate

3 dicembre 2011 - 17:30

Solo qualche giorno fa abbiamo parlato del blocco del traffico previsto a Milano e delle disposizioni approvate dall'amministrazione cittadina per cercare di arginare l'inquinamento dell'aria, che registra continui sforamenti dei limiti nella concentrazione di sostanze nocive.

OCCORRE AFFRONTARE IL PROBLEMA – Presso l'assessorato Infrastrutture e Mobilità della Provincia di Milano s'è radunato il Primo Tavolo di Supporto alle Politiche di Mobilità Merci. In questo contesto si sono incontrate le amministrazione provinciale, la Regione Lombardia, le associazioni di categoria, la grande distribuzione, le agenzie di promozione e gli operatori del settore. Tutti i soggetti si sono confrontati cercando di capire quali possano essere le soluzioni adatte da adottare per il settore dei trasporti e della logistica dei mezzi, che oggi sono particolarmente in crisi. 

INNOVAZIONE E CORAGGIO – Due termini che vanno di pari passo, innovazione e coraggio, riassumono quali debbano essere le strade da intraprendere per risollevarsi da questa situazione. Come sottolinea anche l'assessore provinciale milanese alle Infrastrutture e Mobilità, Giovanni De Nicola, c'è bisogno di “nuova linfa e nuove prospettive di crescita immediatamente applicabili”. La realtà dei fatti è che il sistema dei trasporti deve essere rivisto in un ottica ecologica, più in linea con le nuove tecnologie in materia di motori, quindi ibridi e elettrici. Solo cambiamenti radicali possono aiutare il settore a risollevarsi. 

ORARI PRECISI PER LE MERCI – Per capire come risolvere la criticità, il Tavolo di Supporto ha dovuto analizzarne l'origine, che è stata individuata negli orari di carico e scarico delle merci. Una loro razionalizzazione permetterebbe maggiore efficacia nelle attività di distribuzione: gli orari potrebbero anche essere gestiti diversamente, in base alle necessità specifiche di ogni città. Individuare quali sono gli orari migliori per effettuare il trasporto aiuterebbe a ridurre gli sprechi a vantaggio dell'ecosistema e a decongestionare il traffico cittadino. Basta pensare alle quantità di mezzi di trasporto merci che ogni giorno transitano nelle nostre città e la cui circolazione potrebbe essere gestita più razionalmente. 

L'EXPO 2015 SI AVVICINA – I temi trattati dal Tavolo di Supporto fanno pensare all'Expo 2015, una manifestazione che, per la sua importanza e le sue dimensioni, comporterà un'affluenza di veicoli fuori dalla norma che rischia di congestionare il traffico cittadino e di aumentare il tasso d'inquinamento oltre i valori attuali, già elevatissimi. La miglior soluzione per il rispetto dell'ambiente sarebbe riuscire a coniugare un'organizzazione degli orari ottimizzata, così da evitare gli incollonnamenti, e puntare sull'utilizzo di veicoli sempre più ecosostenibili. Durante l'Expo 2015 Milano sarà sotto gli occhi di tutti e dovrà dimostrare di essere una città all'avanguardia e attenta all'innovazione. L'immagine che darà di sé nel mondo potrebbe aprire, nel bene come nel male, nuove prospettive non solo per la città, ma per l'intero Paese. Ecco perché, con la data di inizio dell'Expo 2015 che si avvicina a grandi passi, continuare a discutere senza proporre e soprattutto, senza realizzare, inizia a essere troppo rischioso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incidente con cane senza guinzaglio

Incidente con cane senza guinzaglio: chi paga i danni?

Autovelox e telecamere Ztl

Autovelox e telecamere Ztl possono verificare assicurazione e revisione

Decreto semplificazioni: le grandi opere che il Governo intende sbloccare