Tolmezzo – Alla Burgo la sicurezza stradale entra in fabbrica

Sicurezza non solo in fabbrica, ma anche in strada. E' questo l'obiettivo che ha spinto Burgo ad estendere alla prevenzione degli incidenti stradali l'ormai tradizionale impegno per la sicurezza dei d

18 settembre 2010 - 7:00

Sicurezza non solo in fabbrica, ma anche in strada. E' questo l'obiettivo che ha spinto Burgo ad estendere alla prevenzione degli incidenti stradali l'ormai tradizionale impegno per la sicurezza dei dipendenti sul posto di lavoro.

In un incontro aperto al pubblico, svoltosi oggi sul piazzale antistante lo stabilimento di Tolmezzo e organizzato in collaborazione con la Provincia di Udine, esperti del settore hanno evidenziato i rischi della circolazione stradale e dell'alta velocità e illustrato modi e accorgimenti per evitarli o limitarli al massimo.

“Con questa iniziativa, che si aggiunge al piano di prevenzione e formazione aziendale – ha spiegato Arno Alzetta, direttore dello storico stabilimento tolmezzino -, vogliamo dare un'ulteriore dimostrazione del nostro impegno per la sicurezza e la salute di quanti lavorano con noi, dei loro familiari e degli abitanti della zona. In questo campo il nostro stabilimento investe annualmente circa 600mila euro complessivi con 16 ore di formazione per dipendente. Inoltre l'opera di sensibilizzazione sui dispositivi di sicurezza, di prevenzione e protezione è costante e riguarda anche ospiti, autisti e ditte esterne che entrano in stabilimento”.

All'incontro hanno anche partecipato la Provincia con il vice presidente Marchetti e l'assessore Faleschini, il sindaco Zearo e rappresentanti dell'amministrazione comunale di Tolmezzo, alcuni sindaci della Carnia, Confindustria Udine con la Delegazione Tolmezzina ed il Gruppo Cartarie di Udine ed i vertici istituzionali del capoluogo carnico.

fonte – carnia.la

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cupra Born elettrica al top nelle prove di Green NCAP

Sciopero 10 ottobre 2022

Sciopero 10 ottobre 2022 trasporto pubblico: orari e fasce garantite

Giovani al volante: perché non rispettano le regole?