Ti metto lo Stop davanti al naso: lo vedi?!

Dall'Australia un futuristico sistema di segnaletica stradale

20 maggio 2013 - 7:00

Benvenuti nel futuro della segnaletica stradale: in Australia, hanno ideato Softstop, un cartello di Stop posto all'ingresso del tunnel, “disegnato” con il laser su un getto d'acqua.

UN “MURO” COLORATO – Chiariamo subito che, pur apparendo come una sorta di muro, la macchina attraversa tranquillamente Softstop, senza nessun impatto e senza accorgersi che si sta passando nel segnale. È in funzione davanti al Sydney Harbour Tunnel, in Australia, attraversato da 30 milioni di veicoli l'anno. Realizzato dalla Laservision, specializzata in installazioni laser, Softstop è un grosso segnale di Stop posto all'ingresso del tunnel, che interviene automaticamente se i precedenti segnali di preavviso non hanno interrotto la corsa verso il tunnel dei camionisti o degli automobilisti. Infatti, può darsi che sia necessario fermare la corsa dei veicoli verso la galleria, magari perché c'è un sinistro all'interno dello stesso tunnel (spesso dovuto ai camion troppo alti che entrano ugualmente rompendo la parte alta della galleria, con grave pregiudizio anche per i veicoli che seguono).

COME SI FA A NON VEDERLO? – È così enorme e colorato, ed è posto “davanti al naso” del guidatore: è impossibile non notarlo, anche perché resta attivo per due minuti, giusto il tempo per interrompere il traffico, e viene poi sostituito, se necessario, dai segnali di blocco convenzionali. Come si evince dal video in basso, se proprio il conducente non si accorge dello stop luminoso in alto, di certo si fermerà di fronte al “muro” d'acqua con la scritta Stop. Se neanche in questo dovesse interrompere la marcia, ci sarebbe da dubitare della sua buona fede…

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 24 ottobre 2020

DPCM 24 ottobre 2020: spostamenti ‘sconsigliati’ (ma non vietati). Testo PDF

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché