Test pneumatici invernali 2016 – 2017

La comparativa TCS testa 28 pneumatici invernali 185/65 R15 e 225/45 R17, tra promossi e bocciati la criticità è sul bagnato

24 dicembre 2016 - 9:00

Come ogni anno, il Touring Club Svizzero ha preso in esame i pneumatici invernali con l’avvicinarsi della stagione più fredda dell’anno. Nella comparativa sui pneumatici invernali 2016 – 2017 sono stati testati ben 28 prodotti diversi, appartenenti alle categorie 185/65 R15 88T e 225/45 R17 91H per quanto riguarda le dimensioni. Al termine del test è stata stilata una graduatoria, con 24 pneumatici raccomandati e 4 bocciati, per molti pneumatici la situazione critica è stata rappresentata dal fondo bagnato. Se stai cercando misure di pneumatici diverse, guarda i test più recenti sulle migliori gomme invernali.

LE PROVE E I RISULTATI SULLE GOMME INVERNALI

Il ciclo di test del TCS prevede la valutazione di ogni pneumatico su vari percorsi di prova con varie tipologie di fondo stradale: asciutto, bagnato, innevato e ghiacciato. Altri parametri tenuti in considerazione sono stati la rumorosità, il consumo di carburante e l’usura. Gli pneumatici nella misura 185/65 R15 88T sono stati 15, la menzione raccomandata è stata assegnata a 11 modelli con solo lacune veniali e 2 hanno convinto pienamente gli esperti come “molto raccomandati”. Per due modelli, a causa delle prestazioni scarse su fondo bagnato, la menzione è stata “non raccomandato”. Per la misura 225/45 R17 91H sono stati valutate le prestazioni di 13 pneumatici, soltanto uno di questi ha ricevuto la menzione “molto raccomandato”. La menzione “raccomandato” è stata assegnata a 10 modelli, gli ultimi 2 pneumatici sono “raccomandati con riserva” perché non hanno convinto nelle prove su fondo bagnato. Guarda il resoconto delle prove nel video che segue e i risultati snocciolati nei successivi paragrafi.

I MODELLI MOLTO RACCOMANDATI

Ai vertici della graduatoria stilata dal TCS per la misura inferiore si sono piazzati gli pneumatici Goodyear Ultragrip 9 e Michelin Alpin A4, il primo è risultato equilibrato, con un consumo contenuto di carburante e giudicato buono su tutte le prove relative alla sicurezza; il secondo si è distinto per l’usura limitata e con una buona performance riguardo la sicurezza. Il primo della classe per la misura superiore è stato il Dunlop Winter Sport 5, salvo il parametro relativo alla rumorosità è risultato equilibrato e con prestazioni buone sia su fondi asciutti che bagnati, su quelli innevati e ghiacciati. Si è distinto inoltre per il basso consumo di carburante e la resistenza all’usura.

TEST GOMME INVERNALI 185/65 R15

Subito dietro gli pneumatici promossi a pieni voti si posizionano i modelli raccomandati:

Nokian WR D4  e il VredsteinSnowtrac 5, per entrambi sono state riscontrate lievi debolezze su fondo bagnato;

Esa-Tecar Super Grip 9 e Hankook i*cept RS2, penalizzati su bagnato e ghiaccio;

Bridgestone Blizzak LM001, il Pirelli Cinturato Winter e il Dunlop SP WinterResponse 2, il pneumatico italiano fa registrare la migliore performance sul ghiaccio ma tutti e tre mostrano debolezze su asciutto e bagnato;

NexenWinguardSnow, buono su asciutto e consumi pecca su bagnato, neve e ghiaccio;

Chiudono la classifica dei raccomandati l’Uniroyal MS Plus 77, il BarumPolaris 3 e il Viking SnowTech II, tutti e tre si comportano bene sulla neve ma non convincono appieno su bagnato e fondi ghiacciati.

TEST GOMME INVERNALI 225/45 R17

Subito dietro l’equilibrato Dunlop si piazzano a pochi punti di distanza l’uno dall’altro:

Pirelli Winter Sottozero3;

Firestone Winterhawk 3;

Goodyear Ultragrip Performance Gen-1;

Hankook i*cept Evo2;

Nokian WR D4;

Anche per questi modelli il punto debole è risultato essere il comportamento su fondo bagnato, offrendo generalmente un buon comportamento sul ghiaccio e una buona resistenza all’usura. Seguono, distanziati da soli 2 punti tra loro;

– Uniroyal MS Plus 77 e il Bridgeston Blizzak LM001, il primo penalizzato dalla performance sull’asciutto e da debolezze sul ghiaccio, il secondo lacunoso sulla neve;

Chiudono la classifica, con uno scarto minimo:

– Viking SnowTech II, buono per neve e usura ma rumoroso e debole su bagnato e ghiaccio;

– VredesteinWintrac Extreme S, buono sulla neve ma limitato negli altri ambiti;

– Yokohama W.drive V905, anch’esso efficiente su asciutto e neve ma debole per usura e per il comportamento su ghiaccio e bagnato.

I MODELLI NON CONSIGLIATI CON RISERVA

Gli pneumatici che non hanno superato i test TCS e hanno ricevuto la menzione non raccomandati sono pochi rispetto al campione messo alla prova. Nella misura 185/65 R15 88 T sono stati bocciati:

– Firestone Winterhawk  3 e il Kleber Krisalp HP2, per entrambi è stata penalizzante la scarsa performance su fondo asciutto.

Nella misura 225/45 R17 91H il TCS ha classificato due pneumatici come consigliati con riserva:

– Matador MP92 e del BF Goodrich g-force Winter, per entrambi la prestazione che non ha convinto è quella su fondo bagnato, ma il punteggio è di poco inferiore ai modelli consigliati.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche: in Germania il crollo peggiore di tutta l’Europa

Noleggio autobus con autista: servizi, prezzi e preventivo gratis

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023