Tergicristalli Bosch Aerotwin: il cellulare ci dirà come montarli

Da una foto della confezione di tergicristalli Bosch sarà possibile vedere le istruzioni di montaggio delle spazzole sulla vostra auto

6 giugno 2012 - 13:40

Bosch ha annunciato che presto sarà ancora più semplice e sicuro cambiare le spazzole tergicristalli alla propria auto senza dover correre in officina per un intervento rapido ma che spaventa i meno smanettoni del fai-da-te che non sanno da dove iniziare. Acquistando i tergicristalli Aerotwin, infatti, basterà scansionare tramite un'applicazione specifica (scaricabile in genere gratis dal PlayStore Android o dall'App Strore di Apple) il codice QR sul retro della confezione per accedere al video con le istruzioni di montaggio.

VIDEO PASSO PASSO – Le immagini dettagliate con le fasi di montaggio delle spazzole Aerotwin, alle quali è stato dedicato un canale YouTube (di cui non è stato ancora comunicato l'URL), saranno disponibili per gli automobilisti che acquisteranno i tergicristalli Bosch nelle nuove confezioni con il caratteristico codice a barre quadrato sul retro. Le spazzole Aerotwin di Bosch, introdotte sul mercato nel 1999 hanno rivoluzionato il modo di pulire il parabrezza a beneficio del comfort di marcia essendo prive di armature e snodi soffrono meno il saltellamento cronico dei tergicristalli convenzionali anche alle alte velocità e sono più silenziose.

DOPPIO AGGANCIO – Per garantire una compatibilità estesa a tutte le auto, Bosch ha ideato un doppio sistema di fissaggio ai bracci rigidi: Multiclip per le auto che montano le spazzole “flat blade” di primo equipaggiamento e Retrofit per le auto nate con le spazzole tradizionali. Mentre il connettore Multiclip copre con un'unica soluzione i quattro principali attacchi utilizzati dai Costruttori auto (Bosch dichiara di equipaggiare l'80% delle auto di nuova immatricolazione), il connettore Retrofit specifico per ogni modello di auto trasferisce la tecnologia flat alle auto meno giovani che non rinunciano alla sicurezza di guida. Sarà interessante scoprire se chi acquisterà gli stessi tergicristalli Aerotwin provenienti da stock di magazzino, privi quindi del codice quadrato, avrà accesso ugualmente in modalità open source alle istruzioni dettagliate in video o dovrà accontentarsi di qualche immagine “rubata” al web.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

L’auto più cercata sul web è italiana: 6 su 10 hanno gli ADAS

La realtà virtuale contro il mal d’auto? L’idea Porsche contro la chinetosi

Richiami auto: negli USA il 44% dei difetti ha oltre 10 anni