Targa Blu: ecco gli enti e le personalità premiati oggi a Roma per la sicurezza stradale

Durante la cerimonia sono stati premiati gli enti proprietari di strade che nel 2010 hanno migliorato la sicurezza della circolazione. Riconoscimenti

23 febbraio 2011 - 12:00

Si è svolta questa mattina a Roma, presso la Sala delle Conferenze della Camera dei Deputati, la cerimonia di consegna dei premi Targa Blu conferiti agli enti proprietari di strade (comuni, provincie e regioni, italiani ed esteri) che si sono dimostrati più virtuosi in fatto di sicurezza stradale durante il 2010, sviluppando iniziative utili a migliorarla e a ridurre il numero di vittime e feriti sulle strade.

30 COMUNI – Nel corso della cerimonia (della giuria del premio fa parte anche SicurAUTO.it) sono stati premiati con la Targa Blu “al merito”, assegnata sulla base dei dati rilevati mediante la schede di valutazione, la Comunità Montana dei Monti Azzurri (MC), l'Unione dei comuni della Bassa Val Trebbia e della Val Luretta (PC) e la provincia di Terni. Inoltre, i seguenti 30 comuni:

Bedizzole (BS), Bitti, (NU), Caltagirone (CT), Castelraimondo (MC), Celle Ligure (SV), Cervia (RA), Chieri (TO), Colmurano (MC), Corinaldo (AN), Dimaro (TN), Gallipoli (LE), Guidizzolo (MN), Loano (SV), Mantova (MN), Marino (RM), Melissano (LE), Molinella (BO), Montecosaro (MC), Montelupone (MC), Nardò (LE), Notaresco (TE), Oppeano (VR), Pianella (TE), Ravenna (RA), Riccia (CB), Sarnano (MC), Scafati (SA), Sestri Levante (GE), Statte (TA), Tula (SS).

ANCHE ALL'ESTERO – Hanno invece meritato la Targa Blu “honoris causa”, assegnata in base ai dati statistici sulla riduzione delle vittime della strada, la regione Veneto e le seguenti provincie: Belluno, Bolzano, Chieti, Cremona, Forlì-Cesena, Imperia, Lecce, Livorno, Macerata, Nuoro, Pisa, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo, Siracusa, Sondrio, Treviso, Vicenza e Viterbo. La Targa Blu “honoris causa” è stata inoltre assegnata a due città europee, Biarritz (Francia) e Twickenham (Regno Unito). Durante la cerimonia è stata conferita la Targa Blu “honoris causa” anche al professor Antonio Dal Monte, per il contributo che i suoi studi di biomeccanica hanno dato al miglioramento del confort dei passaggeri di un'auto, e al comune di Cerda (PA), che rappresenta il simbolo della corsa automobilistica più antica del mondo, la Targa Florio. Infine, va ricordata anche la premiazione di una vettura, la Audi Q7, che ha meritato il premio “Q Air 2010”, il riconoscimento internazionale per la qualità dell'aria ideato dall'associazione Ego-Vai-Q, che nell'edizione 2009 di Targa Blu l'aveva conferito all'italiana Lancia Delta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage