Suzuki, a Parigi la quarta generazione della Vitara

Al Salone di Parigi ha debuttato la quarta generazione della Suzuki Vitara, che si inserisce nel segmento dei SUV compatti

6 ottobre 2014 - 12:40

Esisteva un tempo, all'inizio degli anni Ottanta, in cui i SUV ancora non andavano di moda e alcuni 'alternativi', un po' 'fricchettoni' ma anche precursori dei tempi, si presentavano all'aperitivo con il 'fuoristrada', magari dotato di sospensioni rialzata, gomme tacchettate e snorkel per i guadi, parcheggiandolo sul marciapiede in maniera creativa. In quegli anni la Suzuki Vitara già precorreva i tempi, unendo, in una carrozzeria compatta, le capacità di una off-road alla versatilità di una vettura stradale. Era il 1988 e il concetto di Sport Utility Vehicle si si stava iniziando a definire.

MISURE COMPATTE – Oggi, al Salone di Parigi, Suzuki ha presentato la quarta generazione della Vitara, che verrà prodotta nello stabilimento ungherese di Magyar, nei primi mesi del 2015, per poi arrivare su tutti i mercati europei. Con 4,17 metri di lunghezza, 375 litri di bagagliaio, due motori 1.6 da 120 CV (benzina e turbodiesel) e la trazione, sia integrale che anteriore, si inserirà nel segmento dei SUV compatti, cioè quello che attualmente sta crescendo più di tutti gli altri. Osservandola si coglie subito la sua anima Suzuki, fatta dai geni della Jimny e delle Vitara precedenti, ma anche di una capacità di affrontare il fuoristrada che è superiore a quella della maggior parte delle concorrenti.

TRAZIONE INTEGRALE ALLGRIP – Il merito è del sistema AllGrip, che gestisce le quattro ruote motrici in maniera intelligente, permettendo di scegliere tra quattro modalità di funzionamento: Auto, Sport, Snow e Lock. I motori sono gli stessi già utilizzati dalla S-Cross, con il 1.6 turbodiesel di derivazione Fiat che ha emissioni di CO2 contenute in 106 g/km (111 g/km la versione 4WD). Le sospensioni utilizzano uno schema McPherson all'anteriore e una barra di torsione con sezione a 'U' al posteriore, anche questa derivata dalla S-Cross; i freni, invece, sono tutti a disco con gli anteriori autoventilanti. Interessanti anche gli angoli caratteristici per l'offroad: quello di attacco è di 18,2°, quello di uscita di 28,2°.

EVOLUZIONE DELLA SICUREZZA – La nuova Suzuki Vitara fa un bel passo in avanti anche nel reparto sicurezza, con la disponibilità di un pacchetto di dispositivi di assistenza alla guida supportato da un radar anteriore. Così ci sono sistemi come il Radar Brake System, ovvero un cruise control adattivo che funziona anche alle alte velocità e la frenata automatica di emergenza. Migliorato anche il sistema di infotainment, che ha un nuovo touchscreen da 7 pollici (utilizzabile anche con i guanti) e permette la piena connettività per le app dei principali sistemi operativi smartphone. Infine, la nuova SUV compatta della Casa di Hamamatsu si concede anche qualche vezzo, con la disponibilità di diversi pacchetti di personalizzazione con varie combinazioni bi-colore per la carrozzeria, i montanti e il tetto, mentre in opzione si può avere anche il kit Urban che aggiunge alcuni dettagli cromati.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali 2021-2022

Gomme invernali 2022 – 2023: ordinanze autostrade

Traforo Gran Sasso

Traforo Gran Sasso: chiusura, lunghezza e pedaggi 2022 – 2023

Traffico 7 e 8 dicembre 2022: le previsioni per il Ponte