Superbollo: abolito dal 2015?

Forse l'extratassa di proprietà dell'auto potrebbe essere cancellata l'anno prossimo

9 gennaio 2014 - 6:00

Quella sciagura chiamata superbollo, un'invenzione del Governo di Mario Monti (foto) che ha solo danneggiato il settore auto rivelandosi un flop anche per il Fisco, potrebbe essere cancellata nel 2015: questa la previsione di Maurizio Caprino, sul blog Strade sicure. Per capirci, parliamo della sovrattassa per le auto potenti (20 euro per ogni chilowatt di potenza dei veicoli superiori a 185 kW). L'addizionale erariale sul bollo auto era stata introdotta nel luglio 2011 con un importo pari a 10 € per ogni kW di potenza del veicolo superiore ai 225 kW, con effetto retroattivo su tutto il 2011 e su tutto il parco circolante; successivamente, dal 1° gennaio 2012, la sovrattassa è stata portata a 20 €/kW ed estesa alle vetture con potenza superiore ai 185 kW. Nel solo 2012, invece, si è determinata una perdita complessiva, tra minori entrate fiscali e mancato introito, di circa 140 milioni di euro, così suddivisa: per lo Stato 93 milioni di gettito Iva e 13 milioni di superbollo; per le Regioni 19,8 milioni di mancato pagamento del bollo; per le Province 5,2 milioni di mancata Ipt e circa 9 milioni di addizionale su Rca.

COSA POTREBBE SUCCEDERE – “Già in partenza – dice Caprino – il superbollo aveva un gettito previsto ridicolo (170 milioni), quello effettivo si è rivelato ancora inferiore (60 milioni). In più, lo Stato ha perso su Iva e altre tasse non incassate perché molti italiani hanno venduto le loro auto potenti e altri le hanno ritargate all'estero per sfuggire a superbollo e redditometro. Operazioni fatte con l'assistenza di società che si offrono sul web, senza ipocrisie. Senza contare l'iniquità e i dubbi applicativi mai chiariti”. Lo Stato – tra superbollo previsto e non incassato e altre tasse che avrebbe introitato se col superbollo non avesse depresso il mercato – ci perde. “Quindi – è la conclusione di Caprino – ha anche interesse ad abolire il superbollo. Ma formalmente non può ancora: i giochi della contabilità pubblica non lo consentono. Inoltre, l'anno nuovo è già iniziato e un'abolizione in corsa creerebbe il problema dei rimborsi. A questo punto, è probabile che l'abolizione abbia effetto dal 2015”.

SE INVECE RESTASSE TALE E QUALE – Se il superbollo venisse confermato, continuerebbe a causare tre tipi di danno. Uno, la riduzione delle nuove immatricolazioni di vetture con potenza eccedente i 185 kW. Due, la proliferazione, nel Nord Italia, di “falsi leasing” di autovetture con targa tedesca (o ceca) date in noleggio da soggetti commerciali e utilizzate da clienti italiani. Risultato: mancato versamento dell'Iva, del bollo, del superbollo, dell'Ipt, delle multe, dell'addizionale provinciale sulla Rca. E impossibilità di porre sotto sequestro le automobili immatricolate all'estero, fuga dal redditometro, difficoltà di effettuare i controlli su strada e di individuare le responsabilità in caso di incidenti. Tre, il fenomeno della “esterovestizione” di veicoli, radiati per esportazione in Paesi Ue, ma che continuano a circolare sul territorio nazionale con targa tedesca, austriaca, bulgara o romena con le conseguenze sopra indicate. Ecco quindi il boom di radiazioni per esportazione sia di auto di nuova immatricolazione, poi radiate e reimmatricolate con targa estera, sia di auto usate, che non produrranno più gettito per il Paese a partire dal secondo anno.

1 commento

bruno
16:25, 16 gennaio 2014

premetto che sono un pensionato con la passione delle auto, ed essendo single e facendo pochissimi km. ( circa tremila l'anno), ho comprato una BMW M3 usata nel marzo 2011 ancora non c'era il superbollo . io purtroppo non sono scappato all'estero come tantissimi anno fatto e ho sempre pagato. cosi come dicono in tanti invece d'incassare dei soldi lo stato perde tanti euro del bollo immatricolazioni multe e altro. mi sembra una tassa inutile
e ridicola , e non è vero che chi compra certe auto è ricco.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 6 marzo 2021

DPCM Draghi 6 marzo 2021: bozza e regole fino a Pasqua [PDF]

Il MIT cambia nome: nasce il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili

Covid-19: lo smog rafforza il virus, lo studio in 82 città italiane