Sul verbale non viene segnalata la località di accertamento e il Tar annulla la multa

Avezzano. Manca proprio la località dell'accertamento sul verbale e il giudice di pace annulla una multa per eccesso di velocità. Un sentenza che farà discutere a lungo quella emessa dal giudice...

27 Febbraio 2010 - 09:02

Avezzano. Manca proprio la località dell'accertamento sul verbale e il giudice di pace annulla una multa per eccesso di velocità. Un sentenza che farà discutere a lungo quella emessa dal giudice di pace di Tagliacozzo Pompeo Pallone che ha accolto il ricorso di un automobilista che non avendo rispettato i limiti di velocità sull'A24 si è visto arrivare un verbale della polizia, nel quale mancava però la località dove era avvenuta la contestazione.

Il giudice di pace ha spiegato che “il regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada stabilisce al primo comma che il verbale di contestazione “deve contenere l'indicazione del giorno, dell'ora e della località nei quali la violazione è avvenuta”.

Secondo la sentenza, infatti, si tratta di «elementi tutti necessari a garantire la difesa del trasgressore e, in caso di opposizione, a individuare facilmente l'ufficio del giudice di pace competente per quel territorio». Il sostanza l'automobilista, senza conoscere il Comune dove è avvenuta la contestazione, non è in grado di sapere in quali uffici presentare il ricorso. Infatti il verbale emesso dal sistema «Tutor» indica solo il punto preciso dell'accertamento, ma non la località. Nel caso in esame la violazione redatta dalla polstrada dell'Aquila era avvenuta nel tratto compreso tra il chilometro 49,200 e il chilometro 14,400 dell'A-24: Il primo punto è in territorio comunale di Roma, il secondo del Comune di Oricola. Non è stata riportata, però, la località esatta. Secondo il giudice, in tal modo l'automobilista non è in grado di sapere se ricorrere al giudice di Pace di Roma, a quello di Tagliacozzo o in altri uffici. Si tratta senza dubbio di una sentenza che rappresenta un precedente importante e che potrà aprire nuovi scenari in materia di autovelox. Il tutor, infatti, oltre che accertare violazioni attraverso il calcolo della media di velocità percorsa tra due postazioni, consente anche di rilevare la velocità immediatamente.

fonte – terremarsicane.it

Commenta con la tua opinione

X