Su 100 auto, 6 sono senza Rca

Maxi-operazione della Polizia stradale con 415 pattuglie in tutta Italia impegnate nella verifica dell'assicurazione auto

12 marzo 2014 - 6:00

Su 6.000 veicoli verificati, il 6% è risultato non assicurato. È il “bollettino di guerra” della Polizia stradale, che ha appena effettuato un'operazione di controllo in tutta Italia. Le 415 pattuglie impegnate nei controlli hanno denunciato 22 persone e sequestrato 130 veicoli. Continua così senza sosta l'impegno della Polizia stradale in tutte le regioni d'Italia, tra controlli in tema di autotrasporto, verifiche del possesso dell'assicurazione obbligatoria, intestazioni fittizie e altri delicatissimi temi in materia di sicurezza sulle nostre strade. Questa specifica attività di contrasto e repressione è tesa, dice la Stradale, “a mantenere alta, nella sensibilità collettiva, la percezione di incisività degli organi della Polizia di Stato contro tutti quei comportamenti alla guida dei veicoli considerati particolarmente gravi per la società, come quello di circolare con tagliando assicurativo falso ovvero sprovvisto di assicurazione”.

QUALI MULTE – Va ricordato che, se si circola, la RCA è obbligatoria; invece, se si lascia l'auto ferma nel box, la RCA non serve. Quindi, dal conteggio di 3,8 miliono di mezzi senza polizza, bisogna escludere i veicoli non circolanti, ossia perfettamente in regola. Per chi sgarra, invece, la sanzione è di 841 euro, più il sequestro del veicolo (che sarà restituito entro 60 giorni se il proprietario paga la sanzione, le spese di custodia e trasporto e un premio di assicurazione di almeno sei mesi). La multa scende a un quarto della somma prevista: se la copertura assicurazione è riattivata entro 30 giorni dalla scadenza, oppure se l'interessato entro 30 giorni dalla scadenza della contestazione decide di rottamare il veicolo. Ricordate che ha diritto a un ulteriore sconto del 30% chi paga entro cinque giorni. Chi circola con documenti assicurativi alterati o contraffatti, invece, è soggetto alla confisca del veicolo. Infine, per coloro che hanno materialmente contraffatto i documenti in questione, la sanzione prevista è la sospensione della patente per un anno.

STATISTICHE ALLARMANTI – In Italia, secondo l'Aci, circolano 4 milioni di veicoli sprovvisti di copertura assicurativa, di cui 2,8 milioni sono vetture. Sono più dell'8% del totale e il mancato incasso per le Compagnie sfiora i 2 miliardi di euro. Sono statistiche fornite dall'Automobile Club d'Italia. Secondo un rapporto Ania (l'Associazione delle Assicurazioni), nel 2012 i veicoli senza Rc auto erano il 7% del totale a livello nazionale, raggiungendo un valore medio del 12% nel Mezzogiorno. Tornando ai dati Aci, sono stati elaborati sulla base di una rilevazione condotta in collaborazione con il Comune di Roma, Polizia Roma Capitale e Ania. Dopodiché, incrociando in tempo reale i dati del Pubblico registro automobilistico e dell'Ania stessa, dei 41.825 veicoli che nella settimana dal 24 al 30 ottobre 2012 hanno generato 190.391 passaggi registrati dalle telecamere nelle Zone a traffico limitato della capitale, è emersa la percentuale drammatica: il 9% delle auto e il 15% dei motocicli in transito erano senza assicurazione, come il 17% degli autoveicoli promiscui, il 4% degli autocarri e il 2% di autobus e pullman. Spiccano inoltre l'83% degli escavatori/macchine da lavoro e il 66% delle microcar, ma questi ultimi dati si basano su un campione molto esiguo. I controlli sono stati effettuati in 29 dei 41 varchi ZTL di Roma (Centro storico, Trastevere e San Lorenzo) e su 5 delle 16 corsie preferenziali presidiate da sistemi di telecontrollo.

SUL PORTALE DELL'AUTOMOBILISTA – Da qualche settimana, sul Portale dell'automobilista (sito del ministero dei Trasporti), è possibile verificare se si è in regola con la Rca. Così, chi è stato truffato da una Compagnia fantasma (Rca fasulle vendute a prezzi bassissimi, soprattutto al Sud). Si possono onsultare i numeri di targa degli autoveicoli, dei motoveicoli e dei ciclomotori immatricolati in Italia che non risultano in regola con gli obblighi assicurativi. Le informazioni sono aggiornate dalle Compagnie assicuratrici con cadenza giornaliera. Chi, sapendo di avere in corso un regolare contratto di assicurazione RCA, verifichi che il proprio veicolo non risulta assicurato, deve contattare subito la propria Compagnia di assicurazione. I cittadini che, volendo utilizzare il proprio veicolo, non sono in regola con gli obblighi assicurativi, sono invitati a provvedere tempestivamente. Ma questo, ovviamente, vale solo per chi è stato ingannato; gli altri, quelli che consapevolmente viaggiano senza RCA, erano e restano guidatori pericolosi: chi viene coinvolto in un incidente con una di queste vetture prive di copertura, e subisce danni, dovrà essere indennizzato dal Fondo vittime della strada. Una procedura lunga e scomoda.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toyota: le auto elettriche in arrivo ma con il supporto della Cina

Vienna: pedone investito da un veicolo a guida autonoma

Incidenti stradali: in Italia +7% di vittime nel 2019