Stranezze all'italiana: GLI STRANIERI RESTANO IMPUNITI

O stranieri che viaggiate sulle strade italiane, sappiate che qualsiasi violazione del codice della strada commettiate quasi sicuramente la farete franca, che molto difficilmente per voi ci saranno...

22 maggio 2008 - 10:51

O stranieri che viaggiate sulle strade italiane, sappiate che qualsiasi violazione del codice della strada commettiate quasi sicuramente la farete franca, che molto difficilmente per voi ci saranno delle conseguenze. Una denuncia choc quella di Sergio Bedessi, comandante della Polizia municipale di Cortona, già comandante in altre località turistiche della Toscana.

“Per gli stranieri in viaggio sulle strade italiane la possibilità di sfuggire alle sanzioni, in caso di violazione di una norma del Codice della strada, è molto alta, altissima. La maggior parte dei comuni italiani non notifica il verbale all'estero. E non è un problema di riguardo nei confronti dei turisti né di risorse, bensì di competenze”.

Insomma, non si sa come si fa e, pare di capire, non ci si preoccupa nemmeno di imparare: più facile lasciar perdere. “La maggior parte dei colleghi”, ha sottolineato Badessi alla platea del 1° Forum internazionale delle Polizie locali in corso a Riva del Garda (Trento), “pensa che non si possa individuare il proprietario di un veicolo estero o che, comunque, le procedure siano difficoltose, cosa, in realtà, niente affatto vera”.

In alcuni casi, poi, “alcuni comandi procedono solo per alcune violazioni” trascurandone la maggior parte. Senza contare che questa gravissima prassi omissiva “non riguarda solo le polizie municipali e locali” ma, ha lasciato capire Badessi, anche la Polizia Stradale e i Carabinieri. Con grave danno economico, in particolare per le casse comunali, ma, soprattutto, con gravi ripercussioni in termini di sicurezza della circolazione. “L'inerzia”, ha concluso il comandante della polizia municipale di Cortona, “non può che contribuire al ripetersi di comportamenti scorretti”.

Chiaro il riferimento al Porsche Cayenne con targa svizzera che qualche mese fa provocò un gravissimo incidente mortale tra un tram e un autobus in pieno centro a Milano: nei mesi precedenti lo stesso veicolo aveva violato un centinaio di volte la Ztl ma la polizia locale meneghina aveva sempre lasciato correre… “Che cosa sarebbe accaduto nella stessa situazione a un'auto con targa italiana a Zurigo?” si è chiesto ironicamente Badessi?

fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-In Piemonte: come funziona, quanti km e costo

Michelin CrossClimate 2 SUV: aderenza sorprendente nei test

SicurAUTO.it al convegno sulla sicurezza delle batterie al Litio