Stop allo sciopero delle bisarche

Finisce lo sciopero delle bisarche: riprendono le consegne delle auto in Italia

30 marzo 2012 - 8:00

E dopo la quinta settimana, venne la tregua: finisce lo sciopero delle bisarche, che tornano a circolare sulle nostre strade. Un blocco che aveva paralizzato le attività produttive legate al trasporto veicoli.

INCREMENTI TARIFFARI – Una nota dell'associazione di categoria Bisarche Italiane, la quale ha promosso lo stato di agitazione, dice che, entro i prossimi due mesi, dovrà essere ristrutturato il settore. In più, dovranno essere resi applicabili i costi minimi e verificate le condizioni contrattuali cui sono sottoposti i sub vettori. In ogni caso, l'Associazione Bisarche Italiane interverrà direttamente presso i singoli committenti (operatori logistici) per valutare la misura dell'attuazione degli incrementi tariffari.

PROPOSTE RAGIONEVOLI – D'altronde, le richieste dei bisarchisti-padroncini sono più che ragionevoli: non si trattava di uno sciopero campato per aria. Il problema, infatti, è che le tariffe del trasporto paiono inadeguate a generare un margine di guadagno, e addirittura a coprire i costi vivi dell'attività. Bisarche Italiane chiede un raddoppio delle tariffe, con l'ovvio margine di trattativa, e la creazione di un tavolo congiunto intorno al quale dialogare con le grandi aziende della logistica.

FIAT TORNA ALLA NORMALITÀ – Lo stop allo sciopero arriva quasi in contemporanea col comunicato di Federauto, che s'è ironicamente complimentata col Governo Monti: proprio con questo Esecutivo, un litro di benzina ha sfondato quota due euro, uccidendo il mercato dell'auto, che a marzo 2012 crolla di un terzo sull'analogo mese del 2011. Invece, Fiat ha ora dichiarato che nelle ultime settimane è stata costretta in più occasioni a ridurre o a fermare l'attività produttiva nei vari stabilimenti italiani e che potrebbero esserci ulteriori fermate produttive per smaltire le automobili parcheggiate all'interno degli stabilimenti. Quali fabbriche si stopperanno? Il 30 marzo Pomigliano d'Arco e la Sevel di Val di Sangro, chiusa anche il 2 e il 6 aprile.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?