Stangata multe: +5,7% nel 2013

Altra legnata per gli automobilisti: fra pochi giorni, le multe rincarano del 5,7%

19 dicembre 2012 - 7:22

Un bel rincaro delle multe del 5,7%: è il regalo che vi fanno per Natale 2012, ma da aprire solo dal 1° gennaio 2013, perché è da quella data che la maggiorazione scatterà.

PRIMA DEL DECRETO – Non c'è via di scampo, funziona così dal 1995, anno del primo scatto biennale, e sarà sempre così ogni due anni, grazie Codice della strada (art. 195, comma 3): la misura delle sanzioni amministrative pecuniarie è aggiornata ogni due anni in misura pari all'intera variazione, accertata dall'ISTAT, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (media nazionale) verificatasi nei due anni precedenti. Entro il 1° dicembre di ogni biennio, il ministro della Giustizia, di concerto con i ministri dell'Economia e delle finanze, delle Infrastrutture e dei trasporti, fissa, seguendo i criteri di cui sopra, i nuovi limiti delle sanzioni amministrative pecuniarie, che si applicano dal 1° gennaio dell'anno successivo. E il Decreto ministeriale di dicembre (che ancora non c'è) prende come base di riferimento l'indice FOI di novembre (che invece è già noto). Quindi, sulla scorta del dato pubblicato dall'Istat il 13 dicembre, dal 1° gennaio 2013 scatterà un aumento del 5,7% degli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni stradali.

RECORD – È l'incremento che risulta più elevato dal 1998. Per capirci, l'ultimo aggiornamento era stato stabilito dal decreto ministeriale del 22 dicembre 2010, che aveva disposto l'aumento del 2,4% dal 1° gennaio 2011. Non solo: si applicherà la consueta regola dell'arrotondamento all'unità di euro per eccesso se la frazione decimale sarà pari o superiore a 50 centesimi di euro oppure per difetto se sarà inferiore. E qui potranno esserci altre sorprese sgradevoli, con arrotondamenti verso l'alto che faranno crescere la stangata. L'arrotondamento sarà applicato alle sanzioni edittali, restando escluse dall'aggiornamento, non essendo ancora decorsi due anni, le norme che hanno introdotto o modificato le sanzioni con effetto dopo il 1° gennaio 2011. Così, nel 2013, la sanzione per il divieto di sosta aumenterà da 39 a 41 euro. La multa per l'eccesso di velocità fra 10 e 40 km/h oltre il limite salirà da 159 a 168 euro fra le ore 7 e le ore 22, e da 212 a 224 euro fra le ore 22 e le ore 7. Guida senza cinture di sicurezza? Da 76 a 80 euro. E per chi guida col telefonino in mano, la sanzione schizza d'un botto da 152 a 161 euro.

4 commenti

Paoblog
7:49, 19 dicembre 2012

Si parla con una certa enfasi dell'aumento delle multe a partire da gennaio, tuttavia in questo caso siamo noi ad avere la possibilità di disinnescare quest'aumento. E' sufficiente non infrangere il Codice della Strada.

Errare è umano, tuttavia se le multe sono un problema per te è perchè sei tu ad infrangere sistematicamente le Regole. Negli ultimi 15 anni ho preso 4 multe.

1 divieto di sosta (in buona fede, ma multa giusta), un altro discutibile, un eccesso di velocità poi annullato per decorso dei termini (67 kmh su un rettilineo deserto in agosto, con limite 60; limite alzato dopo pochi mesi a 70…) ed infine un accesso in ZTL (errore mio, nulla da dire. Ah, ci sarebbe la multa che mi hanno dato quando ho fatto l'incidente, ma francamente multare me (30 ?) perchè non mi sono fermato quando uno è uscito sparato da uno Stop mi sembra ridicolo…

resta il fatto che questa 4+1 multe non hanno influito pesantemente sul io c/c ovvero se metti le cinture, non usi il telefono, ti fermi al rosso e non eccedi con la velocità, il più è fatto…

Daniele
9:39, 19 dicembre 2012

Entrambi i vostri ragionamenti potrebbero non fare una grinza se non fosse per il fatto che ci sono multe prese ingiustamente a causa delle quali, vuoi per il costo del ricorso, vuoi per il tempo perso per lo stesso ricorso, si è costretti a pagarle. Concordo sul discorso del “meglio le multe che non benzina, metano, IMU, etc…” (della serie “se mi tiro la zappa sui piedi è giusto che ci rimetta io”), ma credo che nel caso di multe prese senza colpa l'aumento darebbe fastidio, no?

Daniele
16:34, 19 dicembre 2012

Si Paolo, l'avevo immaginato il tuo riferimento. Il paragone con l'inasprimento delle pene detentive te lo concedo, tuttavia permettimi di dire che, soprattutto con la situazione economica attuale, ci si fa i conti in tasca propria. Chiaro che uno è responsabile delle azioni che commette e, anzi…, tale aumento dovrebbe fare da deterrente dal commettere infrazioni, ma mentre tu hai citato multe che da 39? passerebbero a 41 ci sono importi ben maggiori che graverebbero sulla cassa dell'automobilista (un esempio su tutti l'autovelox non omologato)

ciao

Bruno
17:25, 19 dicembre 2012

In Italia le multe per infrazioni al CdS sono arrivate, negli ultimi anni, a cifre assolutamente insopportabili e del del tutto sproporzionate ai redditi medio-bassi degli italiani. Anche la scusante della indicizzazione Istat biennale, è l'ennesimo provvedimento vessatorio ed arbitrario perchè il tasso d'inflazione ufficiale applicato dallo Stato per pensioni o altro, non è il 5,7% ma arriva a malapena al 1,5 % fino ad un importo di 1000 Euro. Per importi più alti l'indicizzazione si riduce gradualmente fino ad annullarsi (vedi decreto ” Salva italia” ed il tristemente famoso pianto della Fornero in TV). Come mai per le multe, il tasso d'inflazione aumenta di colpo?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Car sharing a lungo termine a Milano

Car sharing a lungo termine: a Milano l’auto si noleggia per 7 giorni

Mercedes spia i clienti? Nella rete i clienti “distratti” delle auto in leasing

Cicalino auto elettriche: cosa dice la norma UN 138 sull’AVAS obbligatorio