Sorpresa: le polveri danno tregua ma il bocco delle auto è confermato

LOTTA ALLO SMOG. Domenica 28 febbraio circolazione vietata su metà del territorio comunale. Viaggiano motori elettrici, gpl e gas metano. Il capoluogo aderisce allo stop proclamato da 100 Comuni ...

25 febbraio 2010 - 9:42

LOTTA ALLO SMOG. Domenica 28 febbraio circolazione vietata su metà del territorio comunale. Viaggiano motori elettrici, gpl e gas metano. Il capoluogo aderisce allo stop proclamato da 100 Comuni del Nord, ma resta isolato nel Vicentino. L'ordinanza: dalle 9 alle 18 circolazione vietata in centro e nei quartieri. Ai furbetti multe da 78 euro

Vicenza. Sorpresa: da cinque giorni Vicenza respira. Febbraio, uno dei mesi più temuti dell'anno per il carico di pm10, concede una tregua ai polmoni, complici pioggia e vento. Le polveri sottili rilevate dalla centralina Arpav di corso S. Felice dicono che la qualità dell'aria da giovedì è buona: il livello del pm10 è inferiore alla fatidica soglia di legge dei 50 microgrammi per metro cubo d'aria. L'ondata di maltempo potrebbe persino rimettersi in moto nel fine settimana. Il blocco totale del traffico programmato per domenica 28 febbraio dalle 9 alle 18, tuttavia, resta confermato.

FRONTE COMUNE. L'ordinanza è stata presentata ieri dall'assessore alla mobilità e all'ecologia Antonio Marco Dalla Pozza: «Questo blocco non era previsto nei nostri programmi, ma abbiamo accolto di buon grado l'invito dei sindaci Letizia Moratti e Sergio Chiamparino con l'auspicio che ci sia grande adesione anche da parte degli altri Comuni d'Italia. Purtroppo nel Vicentino pare non sarà così, forse perché su questi temi sono scarsi gli stimoli da parte della Provincia. Purtroppo abbiamo già raggiunto i 35 sforamenti nei valori di pm10 dall'inizio dell'anno: il problema c'è ed è necessario inviare un segnale forte al governo perché attivi risorse, soprattutto per il trasporto pubblico». Vicenza è in buona compagnia con gli altri capoluoghi del Nord (sono cento le città aderenti, compresi i principali centri veneti, Verona esclusa), ma resta isolata nell'hinterland e nel resto del Vicentino.

LA ZONA ROSSA. Le modalità del blocco sono simili a quelle attuate nella prima domenica a piedi del 2010, il 24 gennaio scorso. Il divieto riguarda l'utilizzo di tutti i veicoli a motore dalle 9 alle 18 nella stessa area già interessata nei giorni feriali dal blocco dei mezzi più inquinanti. Potranno circolare soltanto i veicoli alimentati a gpl o a gas metano e i veicoli ad emissione zero o ibridi. Poche altre le eccezioni. Il divieto vale per il centro e per buona parte dei quartieri di San Pio X, Stanga, San Francesco, Laghetto, Villaggio del Sole e San Lazzaro, Pomari e del Mercato Nuovo, per una superficie di territorio pari al 51 per cento, dove risiedono 77 mila vicentini. Fino al 31 marzo rimane inoltre in vigore il divieto di circolazione per tutti i veicoli euro 0 ed euro 1 e i ciclomotori e motoveicoli a due tempi non catalizzati. Il divieto scatta da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Ogni mercoledì dalle 15 alle 18 il divieto è esteso agli autoveicoli euro 2 diesel. La prossima giornata ecologica si terrà il 21 marzo.

INFORMAZIONI. Per ridurre i disagi sono previsti incentivi per l'uso del centrobus e un potenziamento delle linee dei bus. Il blocco costerà al Comune circa 8 mila euro. Per altre notizie, mappa dell'area interdetta e modulo di autocertificazione è possibile collegarsi al sito internet www.comune.vicenza.it oppure rivolgersi a settore Ambiente (0444 221598), Urp (0444 221360), vigili (0444 545311). Una segreteria telefonica è attiva 24 ore su 24 al numero 0444 222324.

fonte – ilgiornaledivicenza.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)