Sondrio, camion piomba sui binari: due morti

Il grave incidente sulla Statale dello Stelvio

19 febbraio 2013 - 6:00

Due morti e due feriti non gravi: è il bilancio del terrificante incidente ferroviario avvenuto in Valtellina lunedì verso le 7.15. Un camion uscito di strada a seguito di un banale sinsitro stradale è finito sui binari ed è stato travolto da un treno che ne ha scagliato i rottami lontano, uccidendo i due.

ATTIMI FATALI – Hanno perso la vita il conducente del mezzo pesante (un romeno), che era riuscito a scendere dal TIR tornando sulla 38, la Statale dello Stelvio, e un automobilista che si era fermato sul ciglio della strada a guardare. Quando è sopraggiunto il treno, i rottami (scagliati in strada, parallela alla linea ferroviaria) li hanno investiti. La linea Tirano-Sondrio è rimasta interrotta a lungo per permettere i soccorsi e i rilievi della Polizia giudiziaria. La Statale dello Stelvio è stata a sua volta chiusa in entrambe le direzioni, con conseguenti disagi per la circolazione in Valtellina. Stando almeno ai primi accertamenti della Polizia giudiziaria (intervenuta con 118 e Vigili del fuoco), l'incidente si è verificato intorno alle 7.15 nel Comune di Chiuro (Sondrio) fra cinque auto. Subito si è formato un capannello di gente e mezzi per il sopraggiungere di altre vetture e per la carreggiata bloccata. Il mezzo pesante, che sopraggiungeva a velocità sostenuta, avrebbe evitato all'ultimo momento gli ostacoli sulla strada, avrebbe poi deviato bruscamente per evitarli, sfondando il guardrail e terminando la corsa sui binari. Quando il treno 5198 partito da Sondrio alle 6.39 è arrivato in quel punto, con il macchinista ignaro dell'accaduto, non ha potuto evitare lo scontro con il TIR. L'impatto è stato violento, il boato tremendo, col mezzo pesante, colpito dalla locomotiva, che si è girato su se stesso di 180 gradi, ed è stato sbalzato di nuovo sulla strada, dove ha travolto auto e persone. Il conducente del camion è morto sul colpo, mentre un uomo è rimasto gravemente ferito. Questi è stato trasportato dal 118 in arresto cardiaco all'ospedale, dove è deceduto poco dopo: si tratta di un imprenditore del settore elettrotecnico, Davide Longa, 38 anni, che viveva a Livigno (Sondrio), e che in quel momento era diretto verso il capoluogo valtellinese.

SINISTRO MOLTO PARTICOLARE – Solo in minima parte, si ripropone il problema della sicurezza dei mezzi pesanti: è vero che di recente è emersa una statistica secondo cui un TIR su due è fuorilegge (si dovrebbe cercare di arginare il più possibile la guida in stato di insonnia, i sorpassi pericolosi dei camion, bloccando quelli che procedono a zig-zag, e quelli che non rispettano la distanza di sicurezza); è vero che la stanchezza è un fattore decisivo (si guida parecchio, con poche pause, per guadagnare di più); ma i sinistri dei bisonti della strada sono pur sempre marginali come numero rispetto agli altri. Allo stesso modo, non si può parlare di incidente a un passaggio a livello, o di guidatore che ha infranto un divieto di transito nel momento in cui doveva passare un treno: nessun guidatore ha attraversato un passaggio a livello con barriere siano chiuse o che stavano per chiudersi. Quello sulla Statale è un incidente con una dinamica molto particolare: il bisonte ha invaso i binari – dopo aver sfondato il guardrail – per evitare altri veicoli, protagonisti di un precedente sinistro. Tutt'al più, va ancora una volta evidenziato che – una volta attivati i soccorsi – è molto pericoloso sostare nei pressi del luogo dell'incidente: una normale curiosità che può risultare letale, per via degli altri guidatori che sopraggiungono ignari di quanto troveranno di fronte a sé. Intanto, il Codacons denuncia che gli incidenti ferroviari stanno pericolosamente aumentando e, per questo motivo, “occorrono immediate verifiche su tutta la rete e investimenti infrastrutturali per aumentare la sicurezza”, sia in corrispondenza dei passaggi a livello, sia per quanto riguarda i guardrail.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)