Sms al volante: un'App per non distrarsi

Un'applicazione sullo smartphone impedirà al conducente di distrarsi mentre guida e funzionerà con il GPS

5 settembre 2012 - 7:00

Dal simulatore alla strada il percorso è piuttosto breve e presto un'applicazione per cellulari smartphone potrebbe salvare molte vite da banali distrazioni al volante. L'App in fase di sperimentazione, messa a punto dagli esperti americani del Pacific Northwest National Laboratory, sarà in grado di riconoscere quando una persona è distratta a scrivere un sms durante la guida, impedendogli, di fatto, l'invio del messaggio.

IL GPS FA LA SPIA – Il meccanismo di riconoscimento di una potenziale situazione di rischio alla guida si basa sul concetto di entropia della digitazione. Gli scienziati americani hanno intuito che quando si scrive un sms al volante, la digitazione dei tasti è caotica con frenetici momenti di scrittura seguiti da momenti di pausa in cui si torna al controllo del veicolo, ma con la mente costantemente impegnata all'invio del messaggio.  Il tempo di digitazione dei tasti unito alle informazioni provenienti dal GPS aiuteranno a individuare l'automobilista spericolato, bloccando la possibilità di interagire con l'editor dei messaggi. Dai primi test condotti con successo in un simulatore di guida, i ricercatori hanno anche sperimentato le diverse tecniche di distrazione per mandare messaggi: alcuni mettono entrambe le mani sulla parte superiore del volante, altri usano una sola mano, altri ancora tolgono entrambe le mani dal volante per poi correggere frequentemente la direzione dell'auto.

PERICOLOSO MULTITASKING – Per comprendere meglio il rischio dell'interazione con un cellulare mentre si guida, spiega Mike Watkins, uno degli sviluppatori: “Basta pensare al cervello umano come il processore di un computer. Anche se non si sta guardando materialmente il display durante la scrittura di un sms, s'impiegano comunque le risorse mentali necessarie a eseguire l'operazione”. Dello stesso avviso è il Dipartimento dei trasporti USA secondo il quale: “togliere gli occhi dalla strada per un tempo di 4,6 secondi (è questa la media di distrazione ugualmente fatale) alla velocità di 88 km/h, significa percorrere a occhi chiusi un campo di calcio”. E' ancora da capire se l'applicazione sarà scaricabile dai market Android e iOS o sarà parte integrante degli stessi per le prossime generazioni di cellulari intelligenti. Ci auguriamo in ogni caso che il lavoro di ricerca degli scienziati USA sarà accolto con cosciente senso di responsabilità e che non inneschi fermate selvagge a bordo strada o una corsa all'hacking, come succede ancora oggi per ingannare i sistemi SBR di segnalazione delle cinture di sicurezza slacciate.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)