Sicurezza stradale: si continua con l'uso di alcol e poi gli italiani guidano

Proprio non ci siamo. Ci siamo tanto raccomandati sull'ulso dell'alcol e ancora ci si continua a confrontare con dati che rivelano che gli italiani fanno uso di alcol e poi si mettono alla...

27 settembre 2010 - 7:56

Proprio non ci siamo. Ci siamo tanto raccomandati sull'ulso dell'alcol e ancora ci si continua a confrontare con dati che rivelano che gli italiani fanno uso di alcol e poi si mettono alla guida. Neanche la nuova normativa del codice della strada sembra avere sortito in definitiva gli effetti per cui è nata….una percentuale di trasgressori dev'esserci…

Suvvia cosa vi costa farvi una sana bevuta e poi farvi accompagnare da un taxi o da una persona che non ha bevuto?!?!?

Le ultime novità rivelano che addirittura il 10,5% degli automobilisti continuano con le vecchie abitudini. Questi dati emergono dal rapporto nazionale 'Passi' dell'Istituto Superiore di Sanità sulla sicurezza stradale.

Risultano tuttavia in netto contrasto con una dichiarazione di qualche settimana fa di alcuni gestori che lamentavano una calo di vendite di alcolici. Già si era urlato il successo della normativa anti alcol…

In questa speciale classifica ovviamente sono gli uomini a farla da padroni ed il continuo uso di alcol è più evidente al Nord ed al Centro.

 

fonte – dallapartedichiguida.blogosfere.it

2 commenti

Giuliano
12:01, 27 settembre 2010

Siamo un popolo che sa solo piangere e lamentarsi. L'unico sistema è togliere le patenti, dove occorre il sequestro del veicolo, multe salatissime e pene più pesanti per chi causa incidenti mortali.

Solo con il bastone!

ottobre_rosso
14:56, 27 settembre 2010

se solo in Italia ci fosse piu' coerenza tra leggi e condanne effettivamente fatte scontare sarebbe una nazione migliore (non solo in tema di sicurezza stradale…)

ottobre_rosso

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?