Sicurezza stradale: per i camionisti obbligatoria la Carta di qualificazione del conducente

L'obbligo in vigore dal 10 settembre 2008Roma, 18 apr. - Chi per mestiere guida veicoli adibiti al trasporto di persone o cose dovrà necessariamente a

20 aprile 2008 - 21:43

L'obbligo in vigore dal 10 settembre 2008

Roma, 18 apr. – Chi per mestiere guida veicoli adibiti al trasporto di persone o cose dovrà necessariamente avere, oltre alla patente di guida, un nuovo documento: la Carta di qualificazione del conducente (Cqc). È quanto previsto dalla direttiva comunitaria 2003/59/Ce, recepita in Italia dal decreto legislativo 286/2005, in vigore dal 5 aprile 2008. Il nuovo documento di abilitazione – che attesta la formazione professionale – diventa obbligatorio per i conducenti muniti di patente C, C+E, D e D+E. Per i conducenti di taxi o di autovetture a noleggio invece non cambia niente. In questi casi continua ad essere richiesto il Certificato di abilitazione professionale (Cap) di tipo Kb.

La Carta di qualificazione del conducente (CQC)

La Carta di qualificazione del conducente (CQC) è un documento abilitativo che si aggiunge alla patente di guida e che è necessaria per tutti i conducenti che effettuano professionalmente l'autotrasporto di persone e di cose su veicoli per la cui guida è richiesta la patente delle categorie C, CE, D e DE.
La CQC è rilasciata per i veicoli adibiti al trasporto di cose e per i veicoli adibiti al trasporto di persone.
La CQC per trasporto di persone non consente la guida di veicoli per trasporto di cose e viceversa. Il conducente, tuttavia, può essere abilitato per entrambe le tipologie di trasporto indicate.
Non cambia nulla, invece, per quanto riguarda la conduzione di taxi e di autovetture adibite a servizio di noleggio con conducente per i quali continua ad essere richiesto il possesso del Certificato di Abilitazione Professionale (CAP) di tipo KB. Per tali veicoli, infatti, la CQC non è necessaria.
La Carta di qualificazione del conducente ha validità di 5 anni ed è rinnovabile alla scadenza. La revoca o la sospensione della patente di guida comporta l'inefficacia della CQC.
L'obbligo di possedere la CQC durante la guida dei veicoli professionali decorre per i camion che trasportano persone dal 10 settembre di quest'anno, mentre per i mezzi che trasportano cose il provvedimento scatterà un anno dopo.

La decurtazione dei punti

Le sanzioni previste dal Codice della strada per la circolazione con patente scaduta o senza il CAP si applicano anche per la guida senza CQC o con la CQC scaduta. Lo stesso vale per le violazioni al Codice che prevedono perdita di punti. Se l'infrazione è commessa da chi guida un veicolo che richiede oltre alla patente anche la Carta di qualificazione (o il CAP) la decurtazione dei punti viene fatta sul documento di abilitazione professionale e non sulla patente di guida. Questo già a partire dal 5 aprile ma solo per chi è in possesso di tale documento. Per chi non lo possiede e fino all'entrata in vigore dell'obbligo (dal 5 aprile al 9 settembre 2008) la decurtazione dei punti grava sulla patente di guida.

Ellis Mais

L'elenco degli altri tipi di veicoli che esentati dall'obbligo è pubblicato sulla circolare del Ministero dell'Interno, insieme e le altre disposizioni normative http://www.interno.it/mininterno/export/sites/default/it/assets/files/15/0710_circolare_cqc.pdf

fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Due multe nello stesso giorno per la stessa infrazione: si pagano?

Il pneumatico o lo pneumatico? Ecco qual è il modo corretto

Patente e proroga Covid

Patente e proroga Covid di 10 mesi: nuove scadenze al 2021