Sicurezza stradale – Marchi: “A Roma meno 16% di incidenti mortali”

''Nel primo semestre 2010 sono stati registarti ulteriori progressi nella sicurezza stradale di Roma. Risulta infatti gia' un meno 16% di incidenti mortali sulle strade della sola Capitale, e la...

29 luglio 2010 - 9:25

''Nel primo semestre 2010 sono stati registarti ulteriori progressi nella sicurezza stradale di Roma. Risulta infatti gia' un meno 16% di incidenti mortali sulle strade della sola Capitale, e la sensibile riduzione degli incidenti dovuti all'assunzione di alcol e sostanze stupefacenti''. E' quanto dichiara in una nota l'assessore alle Politiche della Mobilita' del Comune di Roma, Sergio Marchi, a margine della conferenza stampa ''Vademecum per la Sicurezza Stradale' tenutasi oggi presso la sede della Prefettura di Roma.

''Importanti progressi – spiega l'assessore – che sono stati raggiunti grazie al prezioso contributo della Fondazione Ania e dell'Automobil Club Roma, con i quali l'Amministrazione comunale ha da tempo avviato una stretta collaborazione per ridurre l'incidentalita'''.

''Un ringraziamento particolare – prosegue Marchi – al delegato del Sindaco per la Sicurezza Stradale Cantiani, per le iniziative portate in campo sino ad oggi, e al Prefetto di Roma Pecoraro, che, avvalendosi della preziosa regia della Consulta provinciale, presiseduta da Aranci, ha promosso l'iniziativa del Vademecum, per incremenatre la consapevolezza e il senso di responsabilita' sulle nostre strade''.

''Per la prima volta – conclude Marchi – Comune e Provincia affrontano realmente insieme il problema. Un significativo passo avanti per proseguire nel lavoro sinergico tra le istituzioni, rendendole piu' vicine ai cittadini su un tema di vitale importanza''.

fonte – asca.it/regioni

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?