SICUREZZA STRADALE/ CODACONS: GRAZIE AI TUTOR -22% INCIDENTI

Roma, 18 ott. (Apcom) - Sono "clamorosi" i dati fatti registrare nei primi 12 mesi di sperimentazione del 'Tutor' su alcune tratte autostradali, e illustrati dalla Consulta sulla sicurezza...

21 ottobre 2007 - 11:31

Roma, 18 ott. (Apcom) – Sono “clamorosi” i dati fatti registrare nei primi 12 mesi di sperimentazione del 'Tutor' su alcune tratte autostradali, e illustrati dalla Consulta sulla sicurezza stradale. Lo sostiene il Codacons, riferendo che nel periodo settembre 2006/agosto 2007 nelle tratte soggette a Tutor, infatti, gli incidenti sono diminuiti del 22%, e il numero dei morti sulle autostrade si è dimezzato.

Il sistema del Tutor, realizzato da Autostrade per l'Italia in collaborazione con Polizia Stradale e Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori, rileva la velocità media dei veicoli su tratti di lunghezza variabile da 5 a 30 km e sanziona gli automobilisti che superano i limiti di velocità nelle tratte monitorate.

Tra la fine del 2007 e il 2008 i Tutor verranno installati anche sulla A1 Milano-Bologna, sulla A4 Bergamo-Brescia, sulla A7 Serravalle-Genova e verrà esteso sulla A14, arrivando così a coprire oltre 1.700 km di rete. Il Tutor è stato applicato o è in corso di applicazione anche su alcune tratte non autostradali come Corso Regina Margherita a Torino, Via del Mare a Roma e sulla sopraelevata cittadina di Genova.

“Di fronte a questi dati il Governo deve prendere coscienza della concreta utilità del Tutor – afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – e deve imporre con decreto tale sistema di controllo della velocità non solo su tutta la rete autostradale, ma anche sulle arterie cittadine maggiormente pericolose”.

http://notizie.alice.it/notizie/cronaca/2007/10_ottobre/18/sicurezza_stradale_codacons_grazie_ai_tutor_-22percento_incidenti,13316739.html

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete