Si chiama YOURS il nuovo progetto inglese per la sicurezza dei giovani

I giovani spiegano ai loro coetanei come comportarsi al volante per evitare di morire in un incidente stradale

23 aprile 2012 - 8:00

Arriva dai Paesi Bassi un nuovo kit ideato per rendere i giovani automobilisti più sicuri e consapevoli e dato dall'associazione YOURS, Youth for Road Safety. Il kit è accessibile online da tutto il mondo e introduce le linee guida per la sicurezza stradale e per i corretti comportamenti da tenere alla guida.

UNA SITUAZIONE CRITICA – Ogni anno nel mondo 400.000 mila giovani, tra i 15 e i 29 anni, muoiono a causa di un incidente stradale, il che significa che più o meno 1.100 ragazzi al giorno perdono la loro vita sulle strade. Sappiamo infatti che gli incidenti stradali sono la prima causa di morte per questa fascia di età, ancor più dell'Aids, della Tubercolosi o della Malaria. Non dimentichiamoci poi il dolore causato alle famiglie dei giovani morti sulle strada, il che amplifica l'impatto che questo tipo di incidenti hanno sulla vita della popolazione mondiale.

YOURS, DAI GIOVANI PER I GIOVANI – Per rispondere a questo dramma, molti giovani, racconta YOURS, hanno deciso di attivarsi per rendere più consapevoli di questa situazione non solo i loro coetanei, ma i governi dei loro paesi, dai quali ci si aspettano le iniziative più importanti. Questo movimento globale sta ottenendo sempre più riscontri, resta però la difficoltà, che molti giovani hanno evidenziato, di reperire informazioni dettagliate e ufficiali circa i corretti comportamenti da mantenere alla guida per poter considerarsi sicuri. È per questa motivazione che è nato il primo Youth and Road Safety Action Kit al mondo, scritto da giovani per giovani.

A COSA SERVE IL KIT? – Questo Kit accompagna i giovani attraverso tre macro argomenti. Il primo si focalizza sul fenomeno, a livello globale, della sicurezza stradale e risponde ad alcuni dei quesiti più importanti come “perché sono i giovani ad essere particolarmente a rischio? Perché la velocità, la distrazione, l'abuso di alcol e droghe, il mancato utilizzo del casco e altri fattori di rischio contribuiscono agli incidenti mortali”? Dalla teoria di passa poi alla pratica. Il secondo argomento riguarda come diventare promotori della sicurezza stradale, attraverso l'organizzazione di eventi o attività. Nell'ultima sezione, ai giovani viene spiegato come rendere il proprio progetto un successo grazie alle partnership, alla partecipazione della comunità e alla raccolta fondi.

DOVE TROVARLO – Il kit è scaricabile via internet ed è stato prodotti grazie anche al supporto di Michelin, dell'International Union for Health Promotion and Education (IUHPE) e dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Si tratta dunque di un'iniziativa importante cui il nostro governo dovrebbe fare riferimento. Campagne pubblicitarie più esplicite e maggiore informazione potrebbero aiutare i giovani italiani a comprendere i veri rischi che corrono quando sono alla guida. Non dimentichiamo che in tutto ciò anche le famiglie devono imparare ad agire come educatori, senza demandare questo tipo di formazione unicamente agli altri.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Strisce blu Venezia

Strisce blu Venezia: mappa, orari e tariffe

L’auto protegge dai fulmini di un temporale?

Volvo, arriva il radar per bimbi e animali dimenticati in auto