Questo sito contribuisce alla audience de

Seggiolini bimbi antiabbandono obbligatori, il ddl diventa legge

Passa anche al Senato il ddl che introduce l'allarme antiabbandono per i seggiolini auto. Ecco le prime anticipazioni e chi dovrà usarlo

Seggiolini bimbi antiabbandono obbligatori, il ddl diventa legge
Il provvedimento approvato dal Senato diventa una pietra miliare della sicurezza in auto per i più piccoli. Il testo stabilisce l'obbligatorietà, sui seggiolini auto, di dispositivi elettronici che avvisino il conducente della presenza del piccolo a bordo della vettura. I numerosi casi di abbandono in auto di minori, balzati alle cronache per gli epiloghi molte volte drammatici, hanno spinto il legislatore ad intervenire. La norma entrerà in vigore dal primo luglio 2019. Si tratta di una novità importante per un settore che, diligentemente, si era già attivato per trovare soluzioni. Pensiamo alla Hyundai Santa Fe primo suv ad avere di serie un sistema di controllo dei piccoli occupanti (Leggi come funziona il Rear Occupant Alert Hyundai).

COSA PREVEDE LA NUOVA NORMATIVA

Il testo di legge era stato approvato prima delle ferie estive dalla Camera e, come previsto dalla Costituzione, trasmesso al Senato. Grazie ai 261 voti favorevoli il disegno di legge che prevede l'obbligo di dispositivi antiabbandono dei minori sui seggiolini auto è oggi diventato legge. Il testo, composto da quattro articoli, interviene a modificare il Codice della Strada; nel dettaglio l'articolo 172. La rinnovata fattispecie prevede sanzioni anche per l'assenza di un congegno di allarme e si inserisce tra le fattispecie sanzionate per il mancato uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per i bambini. La violazione dell'obbligo sarà punita con una sanzione amministrativa di importo compreso tra 81 e 326 euro. A voler ribadire l'impegno per la sicurezza in auto è stato previsto che in caso di recidiva nell'arco di un biennio, intervenga la sanzione accessoria della sospensione della patente da 15 giorni a due mesi.

ENTRATA IN VIGORE

L'obbligo di installazione dei nuovi seggiolini 'salva-bebè' sarà applicato dopo 120 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto e "comunque a decorrere dal 1 luglio 2019". Spetterà comunque ad un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che dovrà essere emanato entro 60 giorni, la definizione delle caratteristiche tecnico-costruttive e funzionali del sistema di allarme. Grande soddisfazione è stata espressa dal senatore M5S Emanuele Dessì relatore del provvedimento in Senato: "Il sì dell'aula del Senato al Ddl che prevede l'obbligo di installare dispositivi per prevenire l'abbandono dei bambini in auto, rappresenta una vittoria per milioni di mamme e papà che nel nostro paese ogni mattina accompagnano i loro figli a scuola tra mille frenesie e ampie dosi di stress".

SVILUPPI TECNOLOGICI

A muoversi verso una maggiore sicurezza dei bimbi in auto non è stato solo il legislatore italiano. Case automobilistiche e aziende leader del settore hanno già presentato molti dispositivi anche aftermarket (Leggi l'importanza del seggiolino in auto). La Chicco ha recentemente lanciato il seggiolino BebèCare frutto della partnership tecnologica con Samsung. Nell'era dell'auto connessa un dispositivo integrato nel seggiolino, avverte i genitori della presenza del bimbo in auto. L'alert viene inviato direttamente allo smartphone, Android o Apple, dell'adulto (Leggi come funziona il seggiolino hi-tech). Insomma la tecnologia diventa sempre più alleata delle famiglie ad evitare distrazioni che possono avere anche conseguenze drammatiche.

Pubblicato in Codice della Strada il 26 Settembre 2018 | Autore: Redazione


Commenti


Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri