Seat investe risorse nella mobilità ecologica

La Seat intende impiegare la maggior parte delle risorse nella mobilità ecologica e annuncia l'Altea XL Electric e la Leon TwinDrive Ecomotive

17 novembre 2011 - 9:15

Diverse case automobilistiche stanno approntando piani di sviluppo incentrati sulle tecnologie ecosostenibili e la Seat, che ha reso noto il proprio investimento nel settore ecologico, non è da meno. La casa spagnola controllata dal gruppo Volkswagen ritiene che il futuro della mobilità debba fondarsi sulla sostenibilità ecologica. Per questo ha varato un piano che prevede di raggiungere obiettivi concreti nel prossimo futuro, focalizzandosi sulla mobilità a batteria.

PRODUZIONE – La Seat intende abbattere le emissioni di CO2 nel minor tempo possibile. Pertanto, nel proprio listino prevede specifici allestimenti “ecomotive” che, pur dotati di un classico motore termico, promettono consumi ed emissioni ridotte. A breve la gamma” ecomotive” si completerà con Leon, Altea, Altea XL, Alhambra e la nuova city car Mii. Oggi, circa il 60% delle vetture vendute in Spagna da Seat si mantiene sotto la soglia di emissioni di 130 g/km di CO2, ma l'azienda si sta impegnando per ridurre l'inquinamento derivato dalla produzione e dallo stoccaggio delle vetture stesse. Lo stabilimento di Martorell per esempio, monta numerosi pannelli solari in grado, a oggi, di produrre 8 megawatt di potenza per arrivare a 10,6 entro il 2012. Queste installazioni fanno della Seat il più grande sito spagnolo, dedicato al fotovoltaico e, a regime, permetteranno di risparmiare 6.200 tonnellate di CO2 ogni anno. «L'e-mobility è una componente fondamentale della strategia aziendale della Seat e ci consentirà di continuare il nostro efficace e costante percorso di miglioramento verso la sostenibilità e l'ottimizzazione delle risorse» ha affermato James Muir, presidente di Seat S.A.

Altea XL Electric – La prima auto Seat in versione elettrica ha fatto la sua comparsa già nel 1991: si trattava della Marbella. Oggi la casa automobilistica ha in cantiere due modelli che, a detta del presidente James Muir, usciranno «quando mercato e infrastrutture saranno pronti ad accoglierli». La Seat Altea XL Electric è un'elettrica pura, ma l'intelligente collocazione delle batterie non ha limitato la capienza di questa ampia monovolume. L'auto monta un motore elettrico con una potenza totale di 85 kW (115cv) e 270 Nm di coppia che gli consentono di raggiungere la velocità di 135 Km/h e l'autonomia di 135 km. La vettura è dotata di pannelli fotovoltaici che ricaricano le batterie e la tengono ventilata durante le soste. Se l'autonomia effettiva dovesse rivelarsi pari a quella dichiarata dalla casa, l'Altea XL Electric sarebbe in grado di soddisfare le esigenze di mobilità urbana della maggior parte degli automobilisti italiani. Molto interessante è l'applicazione dedicata al controllo remoto di alcune funzioni della macchina. Attraverso uno smartphone, infatti, si potranno controllare a distanza l'impianto di climatizzazione e il ciclo di carica completo della batteria, magari ritardandolo nelle ore notturne, quando le tariffa dell'elettricità sono più convenienti.

Leon TwinDrive Ecomotive – La Leon sarà invece una ibrida plug in che rientra nella categoria extended-range. Il prototipo, costruito sulla base estetica delle Leon, è dotato di un motore elettrico e uno termico che insieme sviluppano una potenza massima di 163 CV. In sola modalità elettrica l'auto dovrebbe avere un'autonomia di 53 km e una velocità massima di 120 km/h, mentre combinando i due motori dovrebbe arrivare a percorrere ben 900 km e raggiungere una velocità massima di 170 Km/h. La Seat dichiara che nel ciclo misto i propulsori permettono di consumare solo 1,7 litri ogni 100 km, rilasciando nell'aria 39 grammi di CO2 per km. Trattandosi di un prototipo, la Seat non ha ancora rilasciato i dati tecnici circa le modalità di interazione dei due diversi motori che spingono la Leon TwinDrive Ecomotive. Il gruppo Volkswagen ha l'obiettivo di diventare leader mondiale nel settore degli autoveicoli a energia alternativa entro il 2018.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo