Salone di Detroit 2014: Chrysler 200

Chrysler ha presentato al Salone di Detroit la nuova 200, che porta al debutto il cambio automatico a 9 marce

14 gennaio 2014 - 13:41

Chrysler ha presentato la nuova berlina 200 al Salone di Detroit e noi vogliamo subito rispondere alla domanda che frulla nella testa di ogni appassionato: “sarà derivata una versione Lancia per l'Europa?”. Posto che informazioni ufficiali non ce ne sono, secondo noi è molto difficile perché il neonato gruppo italo-americano non sembra credere particolarmente nel marchio Lancia, ma sperare rimane lecito. Ad ogni modo, la Chrysler 200 è un progetto tutto nuovo e ha parecchi geni di “italianità” nel suo DNA, a partire dalla piattaforma su cui è costruita, quella C-US Wide derivata dalla Alfa Romeo Giulietta, che è servita anche per la Dodge Dart e la Fiat Viaggio.

MOTORI BENZINA ASPIRATI – La Chrysler 200 è una delle primissime auto ad adottare il cambio automatico a 9 marce (sviluppato in collaborazione con la ZF) e comunque la prima nel suo segmento. Sotto il cofano troviamo due propulsori smaccatamente yankee, entrambi benzina aspirati, il 2.4 4 cilindri Tigershark con sistema MultiAir 2 da 184 CV e 234 Nm, affiancato dal 3.6 V6 Pentastar, che in questa versione aggiornata raggiunge 295 CV e 355 Nm di coppia. Questa Chrysler vuole dare delle sensazioni di guida di tipo europeo, per cui i tecnici americani hanno curato particolarmente l'assetto, che deve anche rispettare i parametri di confort richiesti negli USA e conta su un avantreno di tipo McPherson e su uno schema multi-link al posteriore. Anche il rapporto di sterzo, di 15,2:1 è particolarmente diretto per gli standard statunitensi, mentre i cerchi sono disponibili in misure tra i 17 e i 19 pollici.

CAMBIO AUTOMATICO A 9 MARCE – Del nuovo cambio automatico a 9 rapporti abbiamo già accennato, ma non è l'unica novità di rilievo nel campo della trasmissione. Infatti sulla Chrysler 200 debutta un nuovo sistema di trazione integrale, abbinato col motore V6, che ha la particolarità di poter scollegare completamente l'asse posteriore. La disconnessione è comandata dalla gestione elettronica, che interviene su un differenziale di nuova generazione. In questo modo diminuiscono gli attriti e scendono i consumi, ma è prevista anche una modalità di guida sportiva che trasferisce fino al 60 % della coppia al posteriore. Con questo settaggio anche il cambio automatico si adegua. Il nuovo 9 marce è più leggero di 14 kg rispetto al vecchio sei rapporti automatico e dispone di oltre venti programmi di cambiata.

VISTA A 360 GRADI – Secondo Chrysler la nuova 200 ha più di 60 dispositivi di sicurezza, tra cui spicca il sistema di monitoraggio con vista a 360° che si avvale di sensori a ultrasuoni, radar e telecamere. Tra le varie funzionalità segnaliamo l'Adaptive Cruise Control Plus che può gestire la velocità della 200 fino all'arresto completo, sia in caso di traffico rallentato che di ostacolo improvviso, integrando anche la funzione anti-collisione. Presenti anche il lane-assist che agisce direttamente sul volante con impulsi di correzione, il blind-spot assist e il park assist anche per i parcheggi in parallelo. Infine, il 60% della scocca della Chrysler 200 è costruito con acciai altoresistenziali. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggi estate 2022

SicurAUTO.it vi augura buone vacanze: ci rivediamo il 22 agosto

Incentivi auto, l’UE critica gli USA: “il nuovo piano è discriminatorio”

Test drive auto nuova: con i brand di EV sono fondamentali