Rovigo – Le regole della strada s'imparano sui banchi

Aumentano le adesioni al progetto sulla sicurezza stradale tra le scuole, che quest'anno ottiene la medaglia del Presidente della Repubblica Napolitano. Agli appuntamenti ci saranno testimonial ...

23 aprile 2010 - 9:31

Aumentano le adesioni al progetto sulla sicurezza stradale tra le scuole, che quest'anno ottiene la medaglia del Presidente della Repubblica Napolitano. Agli appuntamenti ci saranno testimonial locali ma prestigiosi: la squadra di rugby Rovigo, quella del calcio Rovigo e il pilota Thomas Biagi

Dalle 28 scuole del 2002 alle 50 del 2010 la campagna “Vado sicuro”, promossa dall'assessorato provinciale alle politiche giovanili ed educazione stradale è cresciuta e quest'anno si snoderà attraverso tutta una serie di eventi che inizieranno mercoledì 21 aprile e continueranno sino a fine mese. A presentare l'iniziativa, per la quale quest'anno il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha concesso una medaglia per sancire il suo apprezzamento per i risultati ottenuti, stamani a Palazzo Celio l'assessore Leonardo Raito e una vasta rappresentanza degli enti coinvolti ed aderenti.

Diversi appuntamenti per sensibilizzare i giovani sull'importanza delle regole, per raccogliere la comunità intorno ad un obiettivo fondamentale: diffondere una forte cultura della sicurezza. Si inizia il 24 con “Metti al centro la tua sicurezza”, poi il 27 presso l'Autodromo di Adria, il 28 presso l'Itas Einaudi di Badia Polesine, il 29 e 30 con le premiazioni per una valorizzazione dell'impegno di docenti e studenti, prima per le scuole dell'infanzia e primarie, quindi con le scuole secondarie di primo e secondo grado. Parteciperanno ai vari appuntamenti: i componenti della squadra della Rugby Rovigo, il pilota Thomas Biagi e la squadra del calcio Rovigo.

fonte – rovigooggi.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?