Roma, città anti-moto

Da lunedì, a Roma, la ZTL del centro (il Tridente) verrà chiuso alle moto

16 ottobre 2014 - 10:00

È un testa a testa fra Milano e Roma. Qual è la città più contro le auto? Milano, con strisce blu create anche in periferia (interpretando in modo molto discutibile il Codice della strada), un'Area C addirittura di 5 euro al giorno, un uso sempre più abbondante di telecamere e autovelox? O Roma, con controlli elettronici che spuntano come funghi, pedonalizzazioni a tutto spiano, e forse una specie di ticket per il centro in futuro? Difficile a dirsi: è una bella gara anche in termini di strade disastrate. Di sicuro, adesso Roma supera Milano come città anti-moto: da lunedì, la ZTL del centro (il Tridente) verrà chiuso alle moto. La qual cosa ha fatto imbestialire i motociclisti, pronti ad arrivare in sella ai loro scooter fin sotto il Campidoglio. Perdipiù, i residenti, a meno di cinque giorni dalla semipedonalizzazione del Tridente mediceo, non hanno ancora i pass per posteggiare la propria macchina nelle zone riservate in passeggiata di Ripetta, lungotevere in Augusta, viale D'Annunzio, Trinità dei Monti, piazza Augusto Imperatore e via Gregoriana. Un caos assurdo.

DA TEST A DEFINITIVO – La sperimentazione è già partita, ma da lunedì la zona a traffico limitato sarà ufficialmente attiva con i vigili che bloccheranno tutti i non autorizzati: a gennaio 2015, verranno installate le telecamere. E così le multe scatteranno in automatico. Vietati il transito e la sosta ai non autorizzati, compresi gli scooter nella zona A1. Le moto potranno ancora entrare nella Zona a traffico limitato del centro storico, ma non nell'ultimo tratto di via dei Due Macelli (il cui senso di marcia è stato invertito), né potranno attraversare via Capo le Case per raggiungere piazza San Silvestro, percorrere via di Ripetta. Tuttavia, per arrivare in piazza Augusto Imperatore, gli scooteristi potranno sempre percorrere la passeggiata di Ripetta, che resta nella ZTL ma non entra a far parte della zona A1. Poi c'è il guaio delle deroghe: a chi spettano? Con quali criteri? Senza contare che i mezzi pubblici scarseggiano. “È l'improvvisazione – commenta Riccardo Forte del coordinamento italiano motociclisti – che non riusciamo proprio a capire. Se si decide di pedonalizzare un'area della città, va bene, ma allora si deve impedire il passaggio a tutti. Non si possono cambiare così le abitudini delle persone, manca un disegno d'insieme”. E rincara Nazario Rossi, portavoce del Coordinamento: “Non si può procedere a colpi di ‘faccio questo, voi vi adeguate'. Non è possibile che chi lavora in centro non possa più prendere il motorino ma sia costretto ad usare i mezzi pubblici, mettendoci il quadruplo del tempo. Chiudiamo anche tutto il centro, ma dateci delle alternative: parcheggi di scambio, navette o taxi più economici. E non tutti possono prendere la bicicletta. Stiamo organizzando delle forme di protesta, andremo in massa in Campidoglio per poter dire anche la nostra. Prima di varare un provvedimento di questo tipo, dovevano essere ascoltati anche i motociclisti”.

ABITANTI INFURIATI – “Molti abitanti sono ancora privi del permesso – precisa Roberto Tomassi del Coordinamento residenti città storica -. Ho chiesto all'amministrazione di avere dei fogli provvisori che documentino qualimacchine possono sostare nelle aree già riservate senza il timore di essere sanzionati. A ora non ho ancora ricevuto nulla e quindi ho pensato di provvedere autonomamente. Ho predisposto una sorta di pass A1 da esporre sul cruscotto della propria auto. I permessi sicuramente saranno distribuiti, ma purtroppo non si ha ancora idea dei tempi”. Non è tutto. Si annuncia una rivoluzione per il traffico privato romano: sul confine dell'anello ferroviario, dal 1° gennaio 2017, saranno attivi i varchi elettronici. Come riporta ilmessaggero.it, gli accessi saranno regolati, nei giorni feriali, con i bonus mobilità: se ne spenderanno 2 per gli ingressi nelle ore di punta e uno per le altre fasce orarie. I residenti a Roma avranno una dotazione annua di 120 bonus (di più per chi abita dentro l'anello), con un extra di 60 per alcune categorie di lavoratori. Terminati i bonus bisognerà pagare per accedere: 3 euro per i veicoli Euro 4, 2 per gli Euro 5 e 1 per gli Euro 6. Arrivano i bonus d'accesso (un tot all'anno) per i romani e per chi si muove per lavoro. Esauriti i quali, bisognerà pagare per entrare nelle zone centrali e semicentrali della capitale. Così cambierà radicalmente le abitudini degli automobilisti della Città Eterna, e non solo. La congestion charge alla romana è la principale novità contenuta nel nuovo piano generale del traffico urbano, redatto dall'assessore capitolino alla mobilità Guido Improta, che entro la fine della settimana andrà in giunta per l'ok definitivo, in attesa dell'esame del consiglio comunale. “Una volta entrato a regime questo piano, potremo ridurre le tariffe di ZTL e strisce blu – assicura Improta – a conferma del fatto che queste ultime per noi sono misure per limitare il traffico privato, non per fare cassa”. Quali saranno le limitazioni prossime venture all'interno dell'anello ferroviario? Innanzitutto, dal 1° gennaio 2017 sarà vietato l'accesso ad auto e autocarri Euro 3 (già nel 2015 lo stop riguarderà i veicoli Euro 2) con probabili proroghe per chi risiede all'interno dell'anello stesso. A quel punto gli accessi saranno regolati, nei giorni feriali, con i bonus mobilità: se ne spenderanno 2 per gli ingressi nelle ore di punta e uno per le altre fasce orarie. I residenti a Roma avranno una dotazione annua di 120 bonus (saranno ovviamente di più per chi abita dentro l'anello), con un extra di 60 bonus per alcune categorie di lavoratori, che saranno definiti con un'apposita delibera. Terminati i bonus bisognerà pagare per accedere: 3 euro per i veicoli Euro 4, 2 per gli Euro 5 e 1 uno per gli Euro 6. Non ci saranno limitazioni, invece, per i veicoli elettrici e ibridi, mentre ci saranno deroghe per una serie di veicoli, da quelli con contrassegno per persone invalide a quelli alimentati a GPL e metano.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incentivi auto, l’UE critica gli USA: “il nuovo piano è discriminatorio”

Test drive auto nuova: con i brand di EV sono fondamentali

Previsioni Traffico 12, 13, 14 e 15 agosto 2022: bollino nero