Rissa a Top Gear, Clarkson sospeso e trasmissione a rischio

Domenica prossima il programma sulle auto più famoso al mondo non andrà in onda ma i fan si sono già mobilitati

Rissa a Top Gear, Clarkson sospeso e trasmissione a rischio
Jeremy Clarkson l'ha fatta grossa e stavolta Top Gear, la trasmissione televisiva dedicata alle auto più popolare al mondo, potrebbe essere arrivata al capolinea con due episodi di anticipo, almeno per quanto riguarda questa stagione. Infatti, ieri la BBC ha comunicato di averlo sospeso dopo quella che lui stesso ha definito come una 'rissa' con un produttore. Ovviamente, senza il conduttore di punta del programma l'episodio previsto per domenica prossima non verrà trasmesso, come si legge nella nota rilasciata sul sito ufficiale dell'emittente britannica. Inoltre, su Clarkson è stata aperta una procedura di indagine. Qui finiscono le notizie ufficiali firmate BBC, ma c'è ancora molto altro da dire.

ULTIMO AVVERTIMENTO

Intanto, le polemiche intorno a Top Gear non sono certo una novità, visto che già nel maggio scorso Jeremy Clarkson era stato ripreso in maniera ufficiale per aver utilizzato un termine razzista. In quell'occasione la dirigenza della BBC aveva dichiarato che un altro comportamento offensivo non sarebbe stato tollerato di qualsiasi tipo fosse stato e in qualunque luogo o momento fosse avvenuto. Tuttavia, sembra che ai piani alti della BBC la notizia della rissa sia arrivata solo all'inizio di questa settimana, quindi la decisione di sospendere la trasmissione è stata presa in attesa dei risultati di un'indagine interna. Ma Clarkson, in perfetto stile britannico, sembra non averla presa troppo male, visto che ha subito scherzato su Twitter con i due colleghi con cui conduce Top Gear.

LA RETE SI E' GIA' SCHIERATA

I tre conduttori hanno iniziato a ipotizzare con cosa la BBC avrebbe potuto sostituire la loro trasmissione nel palinsesto della domenica sera. James May ha proposto il film del 1964 "633 Squadron", mentre Clarkson ha ribattuto con "Dove osano le aquile" che sarebbe una sostituzione più appropriata, aggiungendo con tipico umorismo inglese che potrebbero anche mandare in onda alcuni dei suoi documentari di guerra. Richard Hammond, infine, ha suggerito "Last of the Summer Wine", una serie tv demenziale sulla terza età. Nel frattempo la rete si è già schierata, con tanti fan che hanno istantaneamente preso le difese di Jeremy Clarkson. Sulla piattaforma Change.org è stata subito lanciata la petizione "BBC: BRING BACK CLARKSON", ma pure  Twitter si sta facendo sentire con l'hashtag #BringBackClarkson.

POPOLARITA' E PROBLEMI

Comunque vada a finire, è bene ricordare che Top Gear è il programma TV sulle auto più visto al mondo. Viene trasmesso in prima visione su BBC Two e subito dopo viene replicato in chiaro, via satellite oppure via cavo da centinaia di televisioni estere; in Italia va in onda su Discovery Channel. Tuttavia non tutto quel che luccica è oro, visto che molti non apprezzano il pungente umorismo britannico che è un marchio di fabbrica della trasmissione. Come gli argentini, che non hanno apprezzato la targa H982 FLK dell'Aston Martin utilizzata proprio da Clarkson durante le riprese di un servizio e hanno costretto tutta la troupe a fuggire a gambe levate.

Pubblicato in Attualità il 11 Marzo 2015 | Autore: Alessandro Vai


Tags:

Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri